Privacy Policy politicamentecorretto.com - LUGANO: CHIUDONO LE OFFICINE FRANZI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LUGANO: CHIUDONO LE OFFICINE FRANZI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

di Claudio Pozzetti

 

 

I SINDACATI CGIL (ITALIA) E UNIA (SVIZZERA) A FINACO DEI 112 FRONTALIERI COINVOLTI

 


 
Nuovi segnali preoccupanti per l'occupazione dei frontalieri italiani in Canton Ticino: rischiano di chiudere le Officine Franzi di Lugano, un'azienda con 130 anni di attività, suddivisa in due settori principali, il metalmeccanico e quello della metalcostruzione; per quest'ultimo in particolare non sembra esserci alcuna possibilità si sopravvivenza.
    Il 15 marzo il Tribunale d'appello di Lugano aveva concesso l'effetto sospensivo parziale al fallimento delle officine, ma oggi si apprende che il medesimo organismo ha negato la moratoria concordataria richiesta al fine di tentare di salvare almeno il settore metalmeccanico.
    Le Officine Franzi occupano 122 dipendenti, di cui ben 112 sono frontalieri italiani, provenienti per la maggior parte dalla provincia di Como, in particolare la zona di Porlezza  e dell' alto Lario, oltre che da Como città e hinterland; gli altri dalla provincia di Varese, soprattutto dalla zona di Pontetresa.
    Il sindacato svizzero UNIA è in questo momento ancora impegnato in un estremo tentativo per cercare una soluzione: la CGIL, come sempre, si schiera con i lavoratori frontalieri per la difesa del loro posto di lavoro e, in ogni caso, li invita, insieme ad UNIA, a rivolgersi con fiducia al sindacato che darà loro qualsiasi tipo di assistenza.
    Chiediamo  un impegno a favore dei lavoratori anche alle istituzioni,  alle altre forze sociali, politiche ed economiche e agli organi di informazione.
 
 Responsabile nazionale CGIL frontalieri, Consigliere  CGIE
 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie