Privacy Policy politicamentecorretto.com - La Zona Franca La Plata, punto di incontro con le imprese per lo sviluppo locale ed internazionale

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La Zona Franca La Plata, punto di incontro con le imprese per lo sviluppo locale ed internazionale

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Il Giovedì 9 giugno, dalle 9:00 alle 12:00 si è svolta la Colazione di Lavoro presso la Zona Franca La Plata, nell’ambito del Corridoio Produttivo Turistico Culturale Italia-Argentina-CPTCIA. Ha salutato i partecipanti il presidente della Zona Franca La Plata, Sig. Nestor Leite, insieme al Direttore della Zona Franca Rag. Juan Pablo Justo, il quale ha spiegato anche i vantaggi e benefici della stessa. A sua volta il presidente della Unione Industriale del Gran La Plata Ing. Francisco Gliemmo ente organizzatore dell’evento insieme all’Agenzia di Coordinamento Territoriale Italia Argentina-ACTIA, ha salutato spiegando il ruolo dell’industria nel processo di internazionalizzazione produttiva delle imrpese. Erano presenti impresari, funzionari locali e provinciali, Deputati provinciali, dell’Amministrazione Doganale e Camere del settore.
L’apertura dei lavori è stata realizzata dal direttore dell’ACTIA e Coordinatore del Corridoio Produttivo Turistico Culturale Italia-Argentina-CPTCIA, Prof. Nicolas Moretti, il quale ha spiegato il ruolo dell’ACTIA ed i fondamenti del CPTCIA, dando dettagli dei risultati delle attività attuali e dell’ultima missione in Italia dal 20 al 29 maggio dello scorso mese e le proposte da portare a termine durante la giornata. Tra gli espositori il direttore dell’Istituto del Commercio Estero Italiano – ICE, dipendente dall’Ambasciata d’Italia in Buenos Aires, Dott. Giuseppe Pezzulo, il quale ha enfatizzato i vantaggi del governo Italiano per i gruppi impresariali che decidano di utilizzare finanziamenti per lavorare insieme per lo sviluppo locale, ha specificato le facilità che darà il governo Italiano con compra di macchinari italiani nuovi ed usati ad uso di produzione di beni e servizi in base agli ac! cordi siglati recentemente.

Leer mas...

Presentazione del Programma di valorizzazione della filiera dell`Olio D`oliva e dell`Agroalimentare nella Camera di Commercio Industria di Bari.

21 Junio 2011
 

 

 

 

 

 


21 giugno ore 10,30
PROGRAMMA

Sviluppo della presentazione

Saluti:
- Presidente della CCIAA di Bari: Dr. Sandro Ambrosi
- Presidente del Consiglio Regionale: Dr. Onofrio Introna
- Relazioni:
Ing. Pedro Baziuk Segretario Generale C.d.C.I. di Mendoza
- Dott Raffaele Vastano Vice Segretario Generale Vicario Camera di Commercio Bari
- Interventi
- Dott Giancarlo Mimiola D.A. Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari
- Dott.Franco Caputo Assessore Provincia di Bari

Tema della presentazione del S.G. di Mendoza
- Presentazione Sudamerica e Mercosur
- Presentazione Paese
- Analisi delle filiere produttive degli alimentari ed in particolare dell’olio
- Situazione dell’olio d’oliva in Italia
- Proposta di azioni
Accademia Italo Argentina dell’Olivo
Concorsi di Extravergine varietali
Strada della Gastronomia Olivicola
Promozione della ricerca scientifica e tecnologica
DNA dei diversi cultivar
Missioni in Argentina (utilizzazione del fondo di Perequazione)
Forum Tecnologico in Argentina (utilizzazione dei fondo di Perequazione)
Workshop in Italia e in Argentina
Articoli relativi al mercato, fiere ed altri eventi
- Desk d’appoggio presso le CCIE di Cordoba e di Mendoza

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data alicia, 11 Maggio, 2013 09:03:42
    gentilmente:a chi si devono chiedere i finanziamenti per la compra di macchinari italiani nuovi ed usati....in base agli accordi siglati recentemente? grazie