Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini replica a Mantica sulle chiusure degli Istituti italiani di Cultura

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini replica a Mantica sulle chiusure degli Istituti italiani di Cultura

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (Pd): “Il Governo cominci ad ascoltare la voce degli italiani all’estero”

 

“La risposta del sottosegretario Mantica alla nostra interrogazione sul depotenziamento degli Istituti di Cultura conferma che il vocabolario del Governo Berlusconi è lontano anni luce dalla realtà. I tagli lineari vengono definiti ‘un’ottimizzazione e valorizzazione delle risorse’. Le chiusure dei Consolati e degli Istituti italiani di Cultura le chiamano ‘razionalizzazioni e aggiornamenti’. Forse con questo vocabolario possono incantare se stessi, ma non i connazionali che, all’estero come in Italia, la verità la vivono sulla propria pelle.” Lo dice Laura Garavini, deputata del Partito Democratico eletta nella Circoscrizione Europa, replicando al sottosegretario Alfredo Mantica sulla riorganizzazione della rete degli Istituti italiani di Cultura.

 

“La promozione culturale deve essere allargata alle aree del mondo che stanno vivendo un maggiore sviluppo, come l’Asia e il Medio Oriente” continua la deputata PD. “Ma questo non deve precludere sedi importanti come quella di Grenoble e di Innsbruck che, tra l’altro, sono l’unico punto di riferimento istituzionale per un numero consistente di connazionali. Il Governo dovrebbe ricominciare ad ascoltare la voce degli italiani all’estero. Se lo facesse si renderebbe conto che in diverse località, per esempio a Grenoble, le nostre comunità stanno elaborando concrete proposte alternative alle chiusure.”

 

“Anche a Lilla, dove alla chiusura dell’Istituto italiano di Cultura segue ora l’imminente chiusura del Consolato, auspichiamo che il Governo apra un tavolo di discussione per evitare che trentamila connazionali vedano compromessa la fruizione di servizi fondamentali” conclude Laura Garavini.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)