Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sciopero poste Brasile, Pollastri: "Già presentato un mio esposto lo scorso 2 aprile"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sciopero poste Brasile, Pollastri: "Già presentato un mio esposto lo scorso 2 aprile"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

"Già il 2 aprile scorso, quindi proprio all'inizio dello sciopero, avevo presentato un esposto alle competenti autorità italiane in merito alle gravi conseguenze che tale evento poteva avere sul voto in Brasile". Così il senatore Edoardo Pollastri risponde in una lettera aperta alle richieste di adesione all'esposto firmato da 21 candidati, arrivato ieri alle maggiori cariche dello Stato oltre che al Cgie e ai Ministeri degli Affari Esteri e Interni, e in cui si specifica che il senatore Edoardo Pollastri non ha aderito al documento. "Mi è sembrato superfluo -ha detto il senatore- intervenire nuovamente alla vigilia della chiusura delle operazioni, anche alla luce dei dati di rientro dei plichi presso i Consolati, dati che sono in linea con quelli del 2006 come comunicato ai comitati informali".
"Ovviamente -ha proseguito il senatore- ben venga una proroga sull’orario di termine per la consegna delle schede e la non distruzione dei plichi pervenuti in ritardo, come da me del resto  richiesto nell’esposto del 2 aprile". Nel documento sottoscritto da Pollastri e inviato al presidente del Consiglio Romano Prodi, al ministro dell'Interno Giuliano Amato e al ministro degli Affari Esteri Massimo D'Alema, il senatore aveva infatti già chiesto che venissero adottate dal governo tutte le misure necessarie per garantire la regolarità dello svolgimento del voto in Brasile e che venissero prorogati i termini di accettazione delle schede votate nel Paese.

 

Prosegue lo sciopero a tempo indeterminato degli addetti al servizio postale indetto nella maggior  parte degli Stati del Brasile dalle organizzazioni sindacali locali. Il senatore Edoardo Pollastri, capolista del Pd in America meridionale, ha presentato un esposto indirizzato al presidente del Consiglio Romano Prodi, al ministro dell’Interno Giuliano Amato e al ministro degli Affari Esteri Massimo D’Alema per sensibilizzare il governo italiano su una questione che rischia di compromettere le operazioni elettorali nella ripartizione America meridionale, alterando gravemente i risultati del voto.
Pollastri ha chiesto che vengano adottate tutte le misure necessarie in questa eccezionale circostanza per garantire la regolarità di svolgimento delle operazioni elettorali, assicurando agli elettori in Brasile il pieno esercizio del diritto di voto previsto dalla Costituzione.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)