Privacy Policy politicamentecorretto.com - Al fianco dei manifestanti di Lilla, in piazza contro la chiusura del Consolato. Consolato Lilla, Garavini (Pd): “Necessario aprire uno sportello consolare”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Al fianco dei manifestanti di Lilla, in piazza contro la chiusura del Consolato. Consolato Lilla, Garavini (Pd): “Necessario aprire uno sportello consolare”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Tutto il mio appoggio ai connazionali di Lilla che stanno manifestando contro la definitiva chiusura del Consolato italiano.” Lo dice Laura Garavini, deputata eletta nella circoscrizione Europa, in un messaggio inviato alla comunità italiana di Lilla che, su iniziativa della UIM e del Comites si è riunita davanti al Consolato colpito dalla chiusura.

“La miopia del Governo” continua la deputata Pd, “priva l’Italia di una rappresentanza diplomatica in un’area altamente strategica. E' necessario che venga comunque garantita ai cittadini la fruizione dei servizi essenziali che spettano loro di diritto.”

“L’offerta di supplire alla chiusura del Consolato di Lilla con l'istituzione di un Console onorario e una permanenza settimanale capace di assorbire cinquanta persone al mese è decisamente insufficiente” conclude Laura Garavini. Chiediamo che venga garantita almeno l’apertura di uno sportello consolare permanente.”

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 30 Giugno, 2011 19:37:55
    Eppure un suo compagno ha fatto questa pubblicazione. Per Aksksk, Sxyxyxy è "interessante e anche importante sostenere queste iniziative che si presentano con tanta autorevolezza sulla scena internazionale ed in particolare in Europa, tra l'altro in un momento in cui si dovrà applicare il Trattato di Lisbona e molte delle nostre istituzioni all'estero dovranno essere ridimensionate. Tutto questo andrà a svantaggio dei servizi per gli italiani all'estero, che si sentiranno abbandonati da un Sistema Italia che prima, bene o male, offriva un ragguardevole servizio, con ambasciate, consolati, istituti di cultura, Ice, scuole italiane, Camere di Commercio. Tuttavia", conclude, "possiamo cogliere l'occasione di tale ristrutturazione per rilanciare quanto fatto in passato e renderlo all'avanguardia e innovativo, con nuovi strumenti di lavoro più competitivi, che ci permetteranno di ottenere degli ottimi risultati anche con minori risorse, se ben usate". (Aise) Come mai adesso cerca la colpa sugli altri ? Per non parlare dell´intervista fatta all´ex Ministr Danieli a Karlsruhe.Ma dico io ,ma a Liegi sono cosi´ciechi ?