Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garantita per legge la presenza femminile ai vertici delle grandi aziende

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garantita per legge la presenza femminile ai vertici delle grandi aziende

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Quote rosa, Garavini (Pd): “Primo passo per un cambiamento culturale”

 

“Alla Camera abbiamo votato l'introduzione delle quote rosa nelle centrali di comando delle più importanti aziende italiane. E’ un importante successo per tutte le donne, ma allo stesso tempo è solo un punto di partenza. Un primo solido contributo per un cambiamento culturale di cui il nostro Paese ha urgente bisogno.” Lo dice Laura Garavini, deputata del Partito Democratico residente in Germania, dopo l’approvazione definitiva in Parlamento della proposta di legge che istituisce l’obbligo di una presenza di almeno il 30% di donne nei consigli d’amministrazione e nei collegi sindacali delle società quotate in borsa.

 

“Le quote rosa sono uno strumento necessario per superare le gravi discriminazioni che interessano le donne in Italia” continua la deputata eletta all’estero. “A partire dalla Norvegia, l’esperienza di altri Paesi dimostra che le quote sono l'unico strumento per garantire una maggiore e meritata presenza femminile nei posti decisionali. Un passo importante a cui bisogna fare seguire ulteriori provvedimenti per il raggiungimento delle pari opportunità tra uomo e donna.”

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 30 Giugno, 2011 19:37:55
    Come mai non ha citato la Germania?Ve lo dico io.La Merkel ha rifiutato per legge la queta rosa.Ma in Germania non si parla di discriminazione.