Privacy Policy politicamentecorretto.com - VALLE DI SUSA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

VALLE DI SUSA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Non capisco le ragioni della manifestazione in Valle di Susa, di solito uno fa lo sciopero quando non si fanno le infrastrutture, perché, a mio avviso, la Tav porterà con sé, progresso e sviluppo per il nostro Paese, e ci consentirà  di collegarci con l'Europa, importare ed esportare i prodotti con il minor tempo possibile giacché ci sarà il treno ad alta velocità collegando la città di Torino con Lione (Francia). Per tanto, chiedo agli esponenti della no Tav, di evitare ogni tipo di violenza e non fermare un progetto che porta progresso e sviluppo, oppure, di spiegare meglio le ragioni che motivano la loro preoccupazione dei lavori nei cantieri della Tav. Mi auguro che prevalga il dialogo e ripudio ogni atto di violenza nella manifestazione della Valle di Susa, perché, è triste vedere gli atti di violenza in cui coinvolgano ai nostri Connazionali.
 
Basta di scontri tra i nostri connazionali, basta di farci male tra di noi, soltanto la scorsa domenica i feriti sono saliti a 204, 139 poliziotti, 47 Carabinieri, 17 finanzieri e un forestale, senza contare i feriti attivisti della no Tav. Speriamo che cessino la violenza e lo scontro tra i nostri Connazionali.
 
Alberto Calle - Collaboratore di Sintesi Dialettica  ( Italia )
 
http://www.sintesidialettica.it/ChiSiamo.php

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Andrea, 06 Luglio, 2011 10:10:11
    Lasciando da parte le valutazioni sul suo italiano, se solo avesse avuto l'accortezza di leggere i documenti pubblicati dal movimento avrebbe avuto migliori spiegazioni, come lei chiede. In ultimo, il Prof. Marco Ponti, non certo un anarchico eversivo e non certo un comunista, sostiene che tecnicamente la TAV non ha motivazioni. Marco Ponti è uno dei più grandi esperti in Europa di trasporti. Saluti Andrea Banti Il direttore: la prossima volta aggiunga l'indirizzo mail per favore