Privacy Policy politicamentecorretto.com - ‘Mafia? Nein Danke!’ a Heidelberg. Garavini (Pd): “La legalità è un valore irrinunciabile”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

‘Mafia? Nein Danke!’ a Heidelberg. Garavini (Pd): “La legalità è un valore irrinunciabile”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“La legalità è un valore irrinunciabile. Ma per vincere le mafie non bastano gli eroi. Servono cittadini consapevoli, che non deleghino la battaglia per la legalità ad altri. Per questo la sensibilizzazione è il primo passo da compiere. Occorre far prendere coscienza della pericolosità della criminalità organizzata. Perché solo da questa consapevolezza può nascere un vero cambiamento culturale capace di sconfiggere le mafie.” Questo l’intervento della capogruppo del Partito Democratico in Commissione Antimafia, Laura Garavini, all’Università di Heidelberg, dove ha presentato l’associazione ‘Mafia? Nein Danke!’, che da marzo di quest'anno è presente anche nell'area Rhein-Neckar-Raum.

 

Davanti a un folto pubblico interessato e informato, Garavini ha dapprima illustrato il proprio operato nell'ambito della Commissione parlamentare antimafia, soffermandosi sull'importanza di un adeguamento legislativo a livello europeo per contrastare efficacemente la criminalità organizzata. Garavini ha quindi sottolineato l'importanza di un impegno che parta dalla società civile e il ruolo fondamentale che i cittadini possono svolgere come elettori, consumatori nonché come osservatori e "antenne"sul territorio.

 

Dal pubblico sono arrivate numerose domande per la deputata PD Laura Garavini. Domande che spaziavano dalle possibilità effettive di lotta al riciclaggio, alle possibilità di controllare il condizionamento del voto mafioso all'estero (vedi caso Di Girolamo), all'importanza di intensificare il lavoro di sensibilizzazione alle tematiche dell'antimafia anche nelle scuole tedesche e tante altre ancora, dando vita ad un dibattito molto coinvolgente.

 

Nel prosieguo della presentazione, Ombretta Caspani di ‘Mafia? Nein, Danke! Rhein-Neckar-Raum’ ha riassunto la storia e gli obiettivi dell'associazione nata poco dopo la strage di Duisburg nel 2007, per dare un segnale deciso contro la mafia e per cercare di fornire alla popolazione tedesca un’informazione obiettiva sul fenomeno mafioso. L’obiettivo era ed è anche oggi quello di informare in Germania sulla pericolosità delle mafie ma anche sul coraggioso lavoro del movimento antimafia in Italia.

 

A questo proposito il Dottor Gabriele Lenzi ha sottolineato i punti di contatto tra l'associazione MND e le esperienze di resistenza civile di associazioni quali ‘Addiopizzo’ o ‘Libera’, con cui per altro l'associazione tedesca è in contatto. Uno degli obiettivi fondamentali sarebbe proprio quello di favorire anche in Germania il formarsi di un'opinione pubblica sempre più sensibile al consumo e all'acquisto di prodotti e servizi pizzo-free, o comunque provenienti dai circuiti di ‘Addiopizzo’ e ‘Libera Terra’ e dalle altre realtà attive in questo campo in Italia.

Attualmente i prodotti di ‘Libera Terra’ sono distribuiti in Germania attraverso il Fair-Handelszentrum Rheinland. Importante sarebbe anche la pubblicizzazione e diffusione in Germania delle esperienze di ‘Addiopizzo Travel’ e di ‘Libera il g(i)usto di viaggiare’, che offrono percorsi turistici etici e mafia-free, o dei campi di volontariato sui terreni liberati dalle mafie di Libera.

 

Dal prossimo autunno 2011 l'associazione MND Rhein-Neckar-Raum inizierà a incontrarsi mensilmente. Verrà data notizia sul blog e su Facebook delle date e dei luoghi degli appuntamenti.

 

Roma, 5 luglio 2011

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 05 Luglio, 2011 16:20:49
    Le risatine che si saranno fatte all´Uni Heidelberg , me le posso immaginare.E´gia da anni che esiste una cooperazione tra Stati per combattere la criminalit´a organizzata.Anzi , i tedeschi non distinguendo, chiamano anche i ladri di polli se sono italiani mafiosi.