Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tutti i figli sono uguali davanti alla legge! Al Senato l'urgenza di porre fine alle disparita'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tutti i figli sono uguali davanti alla legge! Al Senato l'urgenza di porre fine alle disparita'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

di Donatella Poretti, senatrice Radicali, componente della commissione bicamerale per l'infanzia

Le scelte dei genitori non possono e non devono avere delle ricadute sui figli che si traducono in minori diritti e tutele. Bene quindi che questa legislatura Parlamento e Governo si stanno muovendo per porre termine alle discriminazioni tra i figli naturali e legittimi, una discriminazione lessicale che si porta dietro altre disparita' in particolare sul riconoscimento, sulla legittimazione, sulla successione (i figli naturali possono essere liquidati in denaro e escluderli dall’eredita’), sulla parentela (due fratelli naturali non sono fratelli, e i parenti legittimi prevalgono fino al sesto grado; acquisiscono i nonni, ma non gli zii).

La giusta strada avviata dalla riforma del diritto di famiglia del 1975 e' giusto che prosegua nell'ottica non solo di adattare la legge agli stili di vita della societa', ma anche di cancellare stigmi sociali.
E infatti la legge appena arrivata al Senato votata dalla Camera nell'articolo 1 recita la formulazione migliore per parificare lo status dei figli stabilendo il principio della parita' lessicale: "Nel codice civile le parole: «figli legittimi» e «figli naturali» sono sostituite, ovunque ricorrano, dalla seguente: «figli»."

La legge inoltre mette a regime quello che fino ad oggi e' stato un escamotage utilizzato dalle coppie non sposate per aggirare la mancanza di una normativa positiva per il doppio cognome.
A fronte di un riconoscimento successivo del padre -anche se dopo pochi giorni- la legge prevede che il cognome paterno sostituisca quello materno. Ma siccome poteva succedere dopo che il figlio per anni aveva portato un cognome la norma prevedeva la possibilita' di rivolgersi al Tribunale dei Minori per avere una sentenza in cui il cognome paterno invece che sostituire quello materno, lo seguisse.
Cosi' ad esempio ho fatto io per mia figlia.
Ma ci sono controindicazioni. Se i due genitori decidessero di sposarsi o di avviare la procedura di legittimazione del figlio naturale, tutto salta e il cognome materno scompare come per incantesimo.
La legge approvata alla Camera istituzionalizza questa pratica e fa un passo avanti a favore del diritto della madre di poter lasciare il proprio cognome.
Prevede cosi' che a fronte di un riconoscimento successivo del padre il cognome materno resti o al massimo possa essere seguito da quello paterno.
E' il primo timido riconoscimento del cognome materno che anche da solo puo' bastare, e' un primo. riconoscimento della parita' uomo donna, e' un primo passo per adeguare la nostra legislazione anche alle richieste della corte costituzionale. La corte, infatti, nel prendere atto della mancanza di una disciplina sul doppio cognome aveva sottolineato l'inadeguatezza della norma attuale che permette solo all'uomo di tramandare il cognome di famiglia, specchio di una societa' patriarcale non più esistente.

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)