Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini al Circolo Curiel in Lussemburgo. La manovra finanziaria non sfiora gli evasori e fa macelleria sociale tra i più deboli

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini al Circolo Curiel in Lussemburgo. La manovra finanziaria non sfiora gli evasori e fa macelleria sociale tra i più deboli

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

Una parte del “tesoretto italiano”, frutto di evasione fiscale, finisce anche nelle banche lussemburghesi, ha spiegato Laura  Garavini incontrando la comunità italiana del Granducato al circolo Curiel. Ha parlato della manovra appena approvata, ma anche della politica italiana in generale. “Secondo le stime della Guardia di Finanza nelle sole banche lussemburghesi sono nascosti oltre 86 miliardi di euro. Il ‘malloppo’ raggiunge i 300 miliardi di euro se si considera il totale dei capitali italiani sottratti al fisco e nascosti nelle banche all'estero. II che equivale al valore di cinque manovre straordinarie come quella appena varata. Questo significa che se il Governo adottasse misure serie contro l'evasione, si potrebbe contribuire fortemente ad azzerare il debito pubblico e ad affrontare la crisi economica internazionale senza gravare su famiglie e lavoratori. Al contrario il Governo nella finanziaria, non ha neppure sfiorato gli evasori fiscali e ha invece infierito ancora una volta contro i più deboli, coloro che le tasse le pagano già e spesso hanno grosse difficoltà ad arrivare alla fine del mese”, ha sottolineato Laura Garavini davanti agli italiani residenti in Lussemburgo, rispondendo al Presidente del Circolo PD e Presidente della Commissione III del CGIE, Mario Tommasi.

 

“La maggioranza non ha accolto le proposte del Partito Democratico, volte a ridurre i costi della politica, a far pagare le multe sulle quote latte, a eliminare glie sprechi derivanti da un eccesso di burocrazia, a diminuire il numero delle Province e a fare ripartire l'economia." ha proseguito la Garavini. "Rispetto ad un atteggiamento di grande responsabilità da parte dell'opposizione, volto a rassicurare i mercati finanziari internazionali per il bene del Paese, la maggioranza continua a infischiarsene delle sorti dell'Italia e a trincerarsi dietro i propri privilegi.”

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)