Privacy Policy politicamentecorretto.com - La proposta di legge Calderoli non può che offendere gli italiani all’estero

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La proposta di legge Calderoli non può che offendere gli italiani all’estero

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

La populistica intenzione della poco illuminata strategia del Ministro per la Semplificazione Calderoli si colloca nell’ottica, ormai consueta per questo Governo, di sopprimere la Circoscrizione Estero. Il progetto del Ministro è chiaro e semplice, cioè niente più voto agli italiani all’estero!!
Pur considerando che la Circoscrizione Estero non può essere che scomoda per l’attuale Governo, sarebbe un grave errore strategico e uno schiaffo morale per tutti gli italiani residenti all’estero negare loro un diritto fissato a livello costituzionale.
La chiusura dello storico Consolato Generale di Amburgo in data 30 giugno 2011 in una delle città più ricche e produttive della Germania, cosiderata dalla stessa opinione pubblica tedesca „Das Tor zur Welt“ (La porta verso il mondo), è sintomatica per la politica dell’attuale Governo verso i propri cittadini all’estero e, soprattutto, per la proiezione dei propri interessi in un contesto internazionale. Una politica che per la comunità italiana in Germania significa  tagli a servizi elementari, a scuola e cultura e alla propria rappresentanza all’interno dei Comites e CGIE.  
La politica estera di questo Governo, oltre a mortificare giorno per giorno la propria comunità, mette in gioco molto di più: dietro l’abbandono di una rete di significativi contatti creatisi nel tempo all’interno della rete estera e sacrificati sull’altare di una sedicente „razionalizzazione“ si cela, in realtà, una mancanza totale di una visione strategica di politica estera, soprattutto dal punto di vista degli interessi economici del proprio Paese. Laddove altri Paesi potenziano la loro presenza e si avvalgono della collaborazione di rappresentanti della propria comunità per elaborare progetti di impatto verso nuovi mercati, il nostro attuale Governo conosce solo due prerogative: smantellare e lasciare terra bruciata!
Il famoso settimanale tedesco „Der Spiegel“ dedica la copertina  di questa settimana all’Italia con le nostalgiche parole „Ciao bella! Vom Niedergang des schönsten Landes der Welt“ („Ciao bella“! Il declino del Paese più bello del mondo“) mettendo in luce il declino dell’Italia. Di un’ Italia segnata da diciassette anni di berlusconismo e da un profondo provincialismo di alcuni suoi rappresentanti.
Come PD Germania non vogliamo ulteriormente assistere a questo declino e lotteremo per il mantenimento della Circcoscrizione Estero e di quel diritto di voto riconosciuto dalla Costituzione per il quale la nostra emigrazione si è sempre battuta nel corso della sua storia.

Cristina Rizzotti, Segretario Pd Germania

Invia commento comment Commenti (3 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 22 Luglio, 2011 20:30:53
    Concordo con Carmine, non ci mettete come scudo
  • Inviato in data Castro A., 22 Luglio, 2011 15:48:54
    Una vergogna!!!!....essere governati dalle trote...senza l'Unita' di Italia ...ADESSO VOGLIONO SPACCARE ANCHE GLI ITALIANI ALL'ESTERO....
  • Inviato in data Carmine Gonnella , 22 Luglio, 2011 14:49:22
    Veramete la proposta Calderoli di abrogare il terzo comma dell' articolo 48, offende voi sinistrati che in un decennio non siete stati capaci di proporre delle alternative applicabili e costruttive. Tenete fuori gli italiani all' estero... Io non mi sento offeso!!!