Privacy Policy politicamentecorretto.com - Assurdo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Assurdo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Le parole sono sempre troppe. Quelle dette da tutti e di continuo, senza che nessuno ascolti l’altro, si continua a parlare solo per far rumore, per sentirsi dire il proprio rumore. Volendo dipingere questo spazio al palcoscenico di un teatro, si potrebbe perfettamente rappresentarlo con un gruppo di autistici che ...si parlano per tempo indefinito!

In questo scenario, chiudendo gli occhi, facilmente ci si trova in mezzo al realismo dell’assurdo quando si è coinvolti dai sentimenti provati da “Il Rinoceronte” di Ionesco o da “Aspettando Godot” di Becket.

Con la pretesa sempre valida e più che giustificata, come si farà ad “uscire” da un labirinto di questo tipo e di queste dimensioni? Con lo scopo non di semplicemente uscirne per liberarsi, ma con l’unico scopo di far senso, di comprendere e di comprendersi.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 22 Agosto, 2011 12:40:43
    ANTTU ..e mica vogliamo paragonare i nostri politici agli autistici io...chiederei subito scusa a quest' ultimi!