Privacy Policy politicamentecorretto.com - on Franco Laratta, Pd: "Abolire le province? Un errore. Porterà solo disagio e confusione"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on Franco Laratta, Pd: "Abolire le province? Un errore. Porterà solo disagio e confusione"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Con l'abolizione delle province, le istituzioni si allontaneranno sempre di più dai cittadini, i sindaci e i comuni-soprattutto quelli più piccoli- avranno come riferimento diretto solo le regioni, che sono lontane, elefantiache, lentissime. 

La provincia ha una funzione importante nel raccordo e nel coordinamento territoriale, per la gestione di strade, scuole, ambiente, sviluppo territoriale. Ora sarà tutto più difficile e complicato, soprattutto per i cittadini, le imprese, perchè verrà meno un primo riferimento importante, il più importante e vicino, dopo i comuni.

Mi viene in mente l'organizzazione secolare della Chiesa nel territorio. Ci sono le parrocchie (i comuni), poi le diocesi (le province), quindi il livello nazionale (la Conferenza episcopale nazionale, quindi il Vaticano). A livello regionale la chiesa non ha organismi o istituzioni: i vescovi delle diocesi messi insieme fanno una sorta di Coordinamento regionale (la Conferenza episcopale di ogni singola regione). Le parrocchie sono tantissime, le diocesi ben più delle province.  Un'organizzazione che guarda al piccolo, ma che funziona da secoli. Forse lo Stato italiano dovrebbe farci un pò caso.

In Europa? Sento dire che le province non esisterebbero. Una bufala. Ci sono, ma si chiamano diversamente da Paese a Paese.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)