Privacy Policy politicamentecorretto.com - Appello di deputati bipartisan per l'operatore di Emergency rapito il 14 agosto in Darfur: "Liberare Francesco Azzarà. Occorre uno sforzo straordinario"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Appello di deputati bipartisan per l'operatore di Emergency rapito il 14 agosto in Darfur: "Liberare Francesco Azzarà. Occorre uno sforzo straordinario"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L'appello al Ministro degli Esteri dei deputati Frano Laratta, Rosa Villecco Calipari, Angela Napoli, Lapo Pistelli, Olga d’Antona, Federica Mogherini, Laura Garavini, Luigi Muro, Carmen Motta,  Sandro Brandolini,  Maino Marchi, Marco Calgaro, Renzo Carella, Doris Lo Moro, Cesare Marini, Maria Grazia Laganà Fortugno, Nicodemo Oliverio, Federica Mogherini e altri 20

 

Dal 14 agosto u.s. è stato sequestrato in Darfur il giovane Francesco Azzarà che operava in un ospedale pediatrico nel Darfur. Un operatore di Emergency stimato ed apprezzato da tutti.

Da quel momento si sono perse le sue tracce e nessuna notizia si è avuta in merito alla sorte di Francesco Azzarà.
Abbiamo notato come in altri simili casi la mobilitazione è stata forte, decisa e decisiva, ma questa volta notiamo un certo disinteresse nella stessa opinione pubblica e nel mondo dell’informazione.


Francesco lavora da sempre per la vita gli ultimi, per i bambini, per la gente che viene sottomessa, soffocata, violentata in un teatro di guerra agghiacciante qual'è il Darfur. Si tratta di un operatore di pace, di una persona sempre disponibile, un giovane che ha scelto l’impegno diretto anche a rischio della propria vita, in un mondo sconfitto dalla violenza e dalla guerra.
Francesco ha lavorato per i disperati, contro gli sterminii, l'odio, le vendette.


CHIEDIAMO AL GOVERNO
 cosa intenda ulteriormente fare per risolvere positivamente il drammatico caso.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)