Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CALCIO, CIOCCHETTI: STADIO? NOI COME REGIONE PRONTI A FARE NOSTRA PARTE. MODELLO JUVE QUELLO GIUSTO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

"Totti punto di riferimento per la  Roma. Non ci sono alternative."

 

 

Roma, 21 SET - "Il modello Juventus è quello giusto e corretto: uno stadio costruito senza necessità di ricorrere a leggi speciali, spendendo poco (105 milioni non sono una cifra enorme), in un'area urbanizzata e servita dalle infrastrutture, equilibrato dal punto di vista dei metri cubi riservati allo stadio e alle attività collaterali (a Torino 90mila e 34mila). A Roma si dovrebbe fare la stessa cosa. Individuando il percorso corretto, entro un anno, un anno e mezzo si potrebbe arrivare alla definizione del progetto. Ma servono i progetti delle società. Quelli veri. E ad oggi non ce ne sono, né per la As Roma né per la Ss Lazio". -  Lo dichiara il vicepresidente della Regione Luciano Ciocchetti sulla questione dello stadio della As Roma dopo l'incontro odierno del sindaco Gianni Alemanno con il patron della società Thomas DiBenedetto. -

 

"A Torino non c'è stata speculazione, non è stato costruito uno stadio-cattedrale nel deserto - aggiunge Ciocchetti - Lo stadio è inserito nel tessuto urbano. A Roma deve accadere la stessa cosa: non bisogna sconvolgere la pianificazione urbanistica della capitale. Noi, come Regione, siamo pronti a fare la nostra parte". Poi il vicepresidente fa un passaggio parlando da appassionato di calcio. Totti è imprescindibile per i giallorossi: "Penso che ogni squadra abbia bisogno punti riferimento – prosegue - Per la Roma, sicuramente, è Francesco Totti. Non ci sono alternative. Forse l'errore all'inizio era di voler dare un segnale diverso. Ma il capitano è un campione intelligente e sensibile. Si è messo al centro del progetto anche mettendosi in discussione, a disposizione della squadra, giocando non a 20 metri dalla porta, come suo solito, ma a 50. Insomma, per un progetto nuovo, affascinante ma anche rischioso, l'equilibrio tra società, tifosi e simboli deve essere mantenuto".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)