Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PIANO CASA, CIOCCHETTI: "ORMAI È LEGGE, BASTA POLEMICHE"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Roma 27/09 - "Quando si realizzano delle cose nasce sempre qualche contrasto, specialmente in questo momento un po' particolare di contrapposizione su tutto. Oggi però il Piano Casa è legge, quindi è inutile continuare a fare polemiche". Lo ha dichiarato il vicepresidente della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti, ospite negli studi di Radio Ies. "Dobbiamo impegnarci tutti - ha aggiunto Ciocchetti - in primis le amministrazioni comunali, che sono i referenti a cui le famiglie devono rivolgersi per attuare questa legge. Il Piano Casa è una legge di sistema, che tenta di dare risposte ai problemi drammatici emergenti che stiamo vivendo, primo fra tutti la crisi economica. L'edilizia nel Lazio rappresenta il 35% del Pil, ma dal 2008 al 2011 si sono persi 12.000 posti di lavoro e sono fallite molte imprese. In questo modo noi rimettiamo in moto un meccanismo di tanti piccoli e medi cantieri, che siano in grado di far ripartire l'economia. Il Cresme, che effettua ricerche nel settore dell'edilizia, ha svolto uno studio da cui è emerso che se solamente il 3% degli aventi diritto utilizzeranno questa legge, si mobiliteranno 1 miliardo e 340 milioni di euro di investimenti e 21.000 posti di lavoro (15.000 diretti e 6.000 indiretti). Il secondo obiettivo del Piano Casa è la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente: noi per 20 anni abbiamo fatto urbanistica solo consumando territorio libero, cioè allargando i perimetri delle città; questa legge invece vuole fermare questo allargamento, riqualificando il patrimonio edilizio che già esiste, dando una serie di incentivi, come il 20% di cubatura in più per ogni casa". Riguardo la questione condono edilizio, Ciocchetti ha sottolineato che "per legge, il Piano Casa è utilizzabile solo da chi è in possesso del titolo abilitativo edilizio dell'immobile. Questa legge dà grandi opportunità alle famiglie: si può ampliare la cubatura del proprio immobile al massimo del 20%, in adiacenza o in aderenza. Inoltre, si utilizzano le tecniche edilizie del risparmio energetico: bioarchitettura, pannelli fotovoltaici etc. Infine, con un accordo stipulato con la BCC, le famiglie hanno la possibilità di ottenere un mutuo senza ipoteca fino a 70.000 euro per attivare il Piano Casa"

--

Emiliano Belmonte
Responsabile Ufficio Stampa
 
Sara Alessandrini
Ufficio Stampa
 
Vice-Presidente Regione Lazio
Assessore alle Politiche del Territorio e dell'Urbanistica
 
tel. 06.51688825 - 8908
cell. 3338851111 - 3334545426
emiliano.stampa@gmail.com
ufficiostampa.vicepresidenza@gmail.com
www.lucianociocchetti.com

Invia commento comment Commenti (0 inviato)