Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (Pd): ”Impegni e garanzie per la sicurezza del voto all’estero”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (Pd): ”Impegni e garanzie per la sicurezza del voto all’estero”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Gli elenchi elettorali devono essere aggiornati in tempi rapidi

  

“Gli italiani all’estero non sono cittadini di Serie B. Il Governo dica parole chiare e assuma impegni precisi per garantire il corretto funzionamento del voto per corrispondenza”. Lo ha detto Laura Garavini, deputata eletta nella circoscrizione Europa, illustrando in aula la mozione del Partito Democratico sulle procedure per il voto degli italiani all’estero.

“Nel corso delle ultime elezioni referendarie, nella circoscrizione estero si sono manifestati ancora una volta disagi e disfunzioni che hanno compromesso l’esercizio del fondamentale diritto di voto. Al Governo chiediamo anzitutto di aggiornare in tempi rapidi gli elenchi elettorali per superare il divario tra i dati dell’AIRE e quelli degli schedari consolari”, ha detto Laura Garavini.

“Bisogna poi intervenire sulle modalità di voto per renderlo sicuro. Il PD ha avanzato le sue proposte per mettere in sicurezza il voto all’estero. Auspichiamo che il Parlamento possa presto esaminarle nella forma più unitaria possibile, ma per fare questo è necessario che il Governo faccia chiarezza ed esprima il suo orientamento”, ha continuato la deputata. “Il Governo deve dire a noi e ai milioni di concittadini che vivono all’estero se nella riforma Calderoli sia prevista l’abolizione della Circoscrizione estero. Se fosse confermata la linea abolizionista, questa discussione non avrebbe senso perché ci troveremmo di fronte al vero e proprio colpo finale nel rapporto tra l’Italia e le sue comunità all’estero“.

“Il nostro punto di partenza, invece, è che nessuno possa limitare o sospendere il diritto di voto dei connazionali all’estero, perché sono cittadini di pieno diritto e il loro voto è una prerogativa sancita nella Costituzione”, ha concluso Laura Garavini.

 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data carmine, 27 Settembre, 2011 21:40:25
    ..uagliuncie' nu' fa o fessa che dal 2005 io sono un' abolizionista
  • Inviato in data rosario cambiano, 27 Settembre, 2011 19:51:30
    Non credo neanche a mezza parola alle parole dell´Onorevola.Solo il mio conoscente Carmine da Londra, le puo credere.In tanti dentro il plico, alle passate elezioni, hanno trovato la reclame dei candidati del PD.Quindi il Governo da chi dovrebbe proteggere il voto ?Da voi ?.Allora sono daccordo. Proteggiamolo e facciamo votare gli italiani all´estero alla stessa maniera di come quando si vota per il Parlamento Europeo.Solo in Sud America, si potrebbe usare il doppio sistema