Privacy Policy politicamentecorretto.com - Testamento biologico: quando il morto e' morto, possono valere le Dat

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Testamento biologico: quando il morto e' morto, possono valere le Dat

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


Intervento della senatrice dei Radicali, Donatella Poretti, segretaria della Commissione Igiene e Sanita'

Stamani sono iniziate le audizioni sul testamento biologico in merito alle modifiche apportate dalla Camera dei Deputati al testo Calabro'. La prima e' stata quella prof. Giuseppe Gristina, coordinatore della Commissione di bioetica Societa' italiana anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva (Siaarti). I rilevanti appunti nel merito consultabili gia' da luglio sul loro sito Internet (http://www.siaarti.it/gestione/vedi_allegato.php?id=119&prescelta=doc&prescelta_tipo=tipo_doc&tabella=file_siaarti_informa)
ci sono stati meglio spiegati in audizione.

In particolare ci siamo soffermati sull'art.3, comma 5 del ddl che recita testualmente come "la dichiarazione anticipata assume rilievo nel momento in cui il soggetto si trovi nell'incapacita' permanente di comprendere le informazioni circa il trattamento sanitario e le sue conseguenze per accertata assenza di attivita' cerebrale integrativa corti-sottocorticale e, pertanto, non possa assumere decisioni che lo riguardano."

La traduzione di questa dizione "apparentemente tecnica e scientifica" e' che le Dat assumono rilievo quando il paziente e' MORTO, ossia quando non c'e' piu' alcuna attivita' del sistema nervoso. E se nelle Dat comparisse perfino una richiesta di un qualsivoglia trattamento sanitario, si chiede forse ai medici di intervenire sul cadavere?
Credo che questa modifica basti da sola a far riflettere la maggioranza che deve portare lo scalpo al Vaticano della liberta' di cura e di scelta a fermarsi un attimo a riflettere. Una mostruosita' del genere neanche nei secoli piu' bui del medioevo l'avrebbero immaginata.
L'audizione e' stata registrata da Radio Radicale e puo' essere riascoltata sul sito Internet.


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it


Invia commento comment Commenti (0 inviato)