Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LAVORO: UILCOM, STABILIZZARE PRECARI SIA PRIORITA’ AGENDA POLITICA. BENE POPOSTA CIOCCHETTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 “Non si può non apprezzare la sensibilità politica manifestata dal vicepresidente della regione Lazio, Luciano Ciocchetti sui temi del lavoro e della sua stabilizzazione. Come UILCOM nazionale siamo da sempre impegnati su questo terreno e condividiamo qualsiasi iniziativa finalizzata a dare risposte concrete su questo drammatico fenomeno che, se non rimosso, rappresenta un forte ostacolo alla crescita ed allo sviluppo del Paese.” – lo scrive in una nota ufficiale il segretario Nazionale UILCOM-UIL. Fabio Benigni. -

“Mi permetto anch’io di aggiungere ai precisi dati forniti nell’articolo una dura verità da troppi sottaciuta quando si afferma che nel nostro paese le percentuali del lavoro flessibile (precario) pari al 15-20% della forza lavoro sono in linea con le percentuali di paesi europei. Si omette però di dire che quel 20% stimato è pari al 90% del nuovo lavoro del Paese e che quindi tutta una intera generazione sta vivendo e crescendo con il dramma della precarizzazione del lavoro che vuol dire la precarizzazione del loro futuro.”

“Condivido dunque la proposta del Laboratorio Regionale al quale ci mettiamo a disposizione affinché possa farsi promotore di proposte innovative, partendo dalla necessità di dare pieno valore al lavoro, a tutto il lavoro, compreso quello che le nostre nuove generazioni rifiutano obbligandoci ad importazioni bibliche di manodopera anche specializzata. Siamo quindi pronti a collaborare, tanto più con chi da sempre ha fatto della difesa della famiglia un baluardo fondamentale da preservare e sostenere. Sono convinto che da queste reciproche premesse non può che avviarsi un proficuo e fruttuoso confronto.”

Invia commento comment Commenti (0 inviato)