Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il settore della Sanità in Calabria è stato commissariato a causa dell’enorme disavanzo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il settore della Sanità in Calabria è stato commissariato a causa dell’enorme disavanzo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


 

 

 

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

AI Ministri della Salute, delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Economia e delle Finanze- Per sapere – Premesso che:

- il settore della Sanità in Calabria è stato commissariato a causa dell’enorme disavanzo ed il relativo piano di rientro ha imposto regole ferree anche per quanto riguarda gli atti amministrativi;

- in tal senso all’interrogante ha da subito destato perplessità l’atto stipulato tra Regioni Calabria e Lombardia con il quale si faceva ricorso alle Infrastrutture Lombarde s.p.a. (società interamente partecipate dalla stessa Regione Lombardia) per supporto alla progettazione di quattro nuovi ospedali calabresi;

- la convenzione in questione inciderà sulle casse della sanità calabrese il 2,7% sul costo complessivo dei lavori di realizzazione dei 4 ospedali, compresi gli oneri per la sicurezza ed i costi per attrezzature ed arredi;

- su tale convenzione tra le Regioni Calabria e Lombardia  è stata avviata  un’indagine da parte della Procura della Repubblica di Catanzaro, ma è anche intervenuta l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici;

- l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in data 6 settembre 2011, ha osservato che “ l’affidamento diretto nella forma in-house a ILSPA di servizi non qualificabili come strumentali (in quanto non rivolti alla Regione Lombardia) in violazione dell’art.13 della legge n. 248/2006 costituisce condotta idonea ad alterare le dinamiche concorrenziali che dovrebbero governare l’affidamento di servizi pubblici…”;

- la citata Autorità Garante ha auspicato una revisione delle modalità di affidamento dei servizi di supporto, di project & construction management e  di alta sorveglianza in relazione agli interventi di realizzazione dei presidi ospedalieri calabresi;

- sempre nel rispetto del piano di rientro sul disavanzo della sanità in Calabria, conseguente al commissariamento del settore, l’interrogante denunzia la mancata approvazione del bilancio 2009-2010 ASP di Reggio Calabria, già commissariata per infiltrazione mafiosa;


- ed ancora l’interrogante ritiene che il Ministero della Salute non potrebbe esimersi dal controllare le varie convenzioni e gli incarichi di consulenza affidati presso gli ospedali Riuniti di Reggio Calabria:

- se al Tavolo Massicci è stato portato l’atto stipulato tra le Regioni Calabria e Lombardia per il ricorso all’ILSPA e se lo stesso è stato autorizzato;

- se, al di là dell’osservazione prodotta dall’autorità garante della Concorrenza e del Mercato, è ritenuto accettabile l’atto stipulato tra le due Regioni in questione, anche alla luce che l’ILSPA è qualificata società strumentale della sola Regione Lombardia;

- se l’atto stipulato tra le Regioni Calabria e Lombardia nonché le convenzioni affidate presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, possono essere considerati compatibili con il piano di rientro del disavanzo della sanità in Calabria.


On. Angela NAPOLI

Invia commento comment Commenti (0 inviato)