Privacy Policy politicamentecorretto.com - Caso Reggio. "Ora il Presidente Scopelliti parli alla Calabria e dica tutta la verità!"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Caso Reggio. "Ora il Presidente Scopelliti parli alla Calabria e dica tutta la verità!"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

di Doris Lo Moro e Franco Laratta

 

 

Circa un anno fa con una interpellanza urgente,  sottoscritta da oltre 30 deputati, chiedevamo al Governo di indagare sui 'misteri di Reggio Calabria'.

Ma ora che il DISAVANZO DI 17O MILIONI DI EURO, cui va aggiunto il debito per il servizio idropotabile di 100 milioni di euro, il disavanzo del 2011 e gli interessi moratori per decine di milioni di euro per i debiti verso le imprese ed i fornitori, accumulatosi tra il 2006 e il 2011,  è stato accertato dagli ispettori del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato,  sarebbe il caso che Scopelliti, e non il sindaco Arena, parli ai calabresi.

Arena è il curatore fallimentare, Scopelliti lo ha nominato. Lui che è diventato presidente della Regione Calabria, anche con i voti derivati dal saccheggio delle casse della città di Reggio!

Il Governatore non tenti di scaricare le colpe sulla dirigente del bilancio, parlando di un 'caso Fallara' che è invece soltanto il caso Scopelliti di cui la dirigente era solo un ingranaggio.

La procura faccia il suo lavoro (magari nel più breve tempo possibile) ma l'ex sindaco Scopelliti dovrebbe dire qualcosa di chiaro e di netto su quel devastante debito che ruba il futuro ai reggini, che mette alla luce un sistema gravissimo di corruzione, ruberie, e profonde illegalità, che speriamo nessuno osi immaginare siano frutto del lavoro sporco di un manipolo di persone. Uno dei quali è finito tragicamente per come sappiamo.  Ora si eviti di alzare inutili polveroni e di fare proclami auto-assolutori. Tutto quello di cui ha bisogno la Calabria è una parola di verità. Che solo Scopelliti può pronunciare.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)