Privacy Policy politicamentecorretto.com - La crisi dei mutui investe le Borse

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La crisi dei mutui investe le Borse

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

 

La crisi dei mutui negli Stati uniti imperversa ed investe le Borse, l’Europa perde 160 miliardi  e si registrano forti cali anche a New York ed in Asia.
Bush ha tentato di tranquillizzare gli investitori, preoccupati dalla crisi del mercato dei mutui ad alto rischio che ha innescato una spasmodica corsa alle vendite.
La Federal Reserve americana ha annunciato di aver immesso sul mercato una liquidità di 24 miliardi di dollari (17,5 miliardi di euro), la Bce ha  poco meno di 95 miliardi di euro, il più ampio intervento mai varato dall'11 settembre 2001 .
La crisi rischia di generare un effetto domino con licenziamenti nel settore edile e finanziario ed ad un calo vertiginoso dei prezzi delle case. Tutto ciò rischia di pesare fortemente sui consumi delle  famiglie e rallenterà il tasso di crescita dell’economia statunitense.
A scatenare la crisi sono i mutui subprime , concessi a clienti con minori garanzie,  che hanno causato forti scossoni economici, in quanto  alcuni istituti finanziari rischiano di essere fortemente esposti visto che  questi mutui sono stati trasformati in titoli collocati sul mercato e moltiplicandone i derivanti ne hanno esteso i rischi.
 I B-Paper", "near-prime" o "second chance", o piu’ comunemente subprime sono quei prestiti che vengono concessi ad un soggetto che non può accedere ai tassi di interesse di mercato, a causa di problemi pregressi nella sua storia di debitore.
Questi prestiti sono rischiosi sia per i creditori sia per i debitori, vista la pericolosa combinazione di alti tassi di interesse, cattiva storia creditizia e situazioni finanziarie poco chiare, associate a coloro che hanno accesso a questo tipo di credito.
Coloro che proponevano i mutui subprime hanno sottolineato il ruolo che questa tipologia creditizia ha nel consentire l’accesso al mercato del credito a consumatori che ne sarebbero stati altrimenti esclusi, rimarcandone il senso di democraticità.
Invece, una larga schiera di economisti ha criticato l’industria del  credito subprime per aver attuato delle tecniche predatorie, accettando clienti che non avevavano palesamente le disponibilità economiche per soddisfare i contratti.
Queste critiche sono aumentate vertiginosamente a partire dal 2006, quando centinaia di migliaia di debitori sono stati costretti all'insolvenza e compagnie prestatrici  hanno dovuto  presentare  istanza di bancarotta.
 La crisi attuale sembra richiamare lo storico crollo della Borsa di Wall street  nel 29,  originato proprio dalle speculazioni edilizie sulla vendita delle case. Infatti le banche rinnovavano i mutui in funzione della crescita  del prezzo della casa, ma la crisi edilizia coinvolse  ogni settore  economico e si tradusse in  un’altissima disoccupazione, placata soltanto con l’intervento diretto  dello stato.
In ’italia  l’intervento dello statale fu ancora piu’forte , si ovviò alla depressione nazionalizzando banche ed imprese in via di fallimento e fondando l’Iri, istituto di costruzione industriale

Invia commento comment Commenti (0 inviato)