Privacy Policy politicamentecorretto.com - Venerdì 25 Novembre oltre 13 milioni di marocchini sono chiamati alle urne per eleggere i 395 deputati della nuova Camera dei rappresentanti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Venerdì 25 Novembre oltre 13 milioni di marocchini sono chiamati alle urne per eleggere i 395 deputati della nuova Camera dei rappresentanti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Osservatori locali ed internazionali - circa 4.000 - supervisioneranno le operazioni di voto. Questo appuntamento, è di fatto un evento storico per la monarchia nord africana e per l’intera comunità marocchina. Infatti, queste elezioni sanciranno l’entrata in fuzione delle novità contenute dalla nuova costituzione marocchina, approvata con un referendum popolare dello scorso 1 Luglio.

 

La  nuova legge fondamentale. La nuova Costituzione conta di 180 articoli (contro i 108 della precendente) ed introduce notevoli modifiche . Innaziutto, il Lo status del “Primo Ministro” verrà elevato a “Capo di Governo”; questi “verrà scelto” dal re all’interno del partito vincitore delle elezioni e potrà “proporre e rimuovere i membri del Gabinetto, guidare e coordinare l’azione di governo e supervisionare il servizio pubblico”. La fine dell’Alta Corte di Giustizia per i membri del Gabinetto”, ponendo i ministri dinanzi alle stesse corti giudicanti il resto della popolazione. Aspetto altrettanto importante è la nuova organizzazione dello Stato, sempre più regionalista e decentralizzato , in modo da rendere la gestione del potere sempre più vicino ai cittadini.

Questo atto, di grande lungimiranza si inserisce nel grande piano di riforma nella tradizione che S. M Mohammed VI ha intrapreso dalla sua ascesa al trono, trasformando questa Nazione in una delle regioni più stabili e astrattive della regione. Per queste ragioni non possiamo far venire meno il nostro appoggio a S.M Mohammed VI e sostenere sempre di più il suo operato per un Marocco sempre più stabile. Lo dobbiamo a tutto il Marocco e alla numerosa comunità marocchina che vive, lavora e opera nelle nostre Provincie.

 

Dott Marco Baratto
Associazione Culturale Euromediterranea

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)