Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini al convegno ‘Va bene?! – Le relazioni italo-tedesche al banco di prova

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini al convegno ‘Va bene?! – Le relazioni italo-tedesche al banco di prova

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (PD): “Oggi c’è ancora più bisogno d’Europa”

 

“L’Italia ha bisogno di più Europa e l’Europa non può essere limitata a un direttorio franco-tedesco. L'Europa ha bisogno dell'Italia per far crescere una vera unità politica multipolare, in grado di estendere e consolidare il progetto di condivisione di valori e diritti europei”. Questo, in sintesi, l'intervento di Laura Garavini al convegno ‘Va bene?!’ organizzato dalla ‘Bundeszentrale für politische Bildung’ a Berlino. Alla tavola rotonda hanno partecipato anche il giornalista e scrittore Beppe Severgnini e il corrispondente RAI Marco Varvello.

“L'Italia vive una nuova fase politica”, ha concluso Laura Garavini, “in cui l'Europa finalmente non è più vista come qualcosa di sospetto o addirittura pericoloso, bensì come un’opportunità in cui è possibile agire da protagonisti per migliorare le condizioni comuni di tutti gli Stati membri. In questa fase di forte crisi economica e finanziaria ci si rende finalmente conto che un'eventuale crisi dell'Euro, e dunque dell'Europa, segnerebbe il tracollo prima e soprattutto di ogni singolo paese, compresa la Germania. Mai come oggi c'è bisogno di più Europa. Un’Europa che non significhi solo unione dei mercati e libera circolazione dei soldi e delle persone, ma che persegua anche un'unione delle politiche e dei diritti”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)