Privacy Policy politicamentecorretto.com - L'EUROPA IN FESTA!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L'EUROPA IN FESTA!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Il 9 maggio 1950, il ministro degli esteri francese Robert Schuman presentava la proposta
di creare un'Europa organizzata, indispensabile per mantenere la pace sul continente e per
impedire che altri conflitti sanguinosi potessero esplodere fra i paesi europei coinvolgendo
molti altri paesi e popoli nel mondo. La giornata del 9 maggio è diventata da allora il
simbolo della nascita dell'integrazione europea e della pace sul Continente.

Concepita nei momenti più drammatici della Seconda Guerra Mondiale da uomini
 come Altiero Spinelli che era stato confinato dal fascismo nell'isola di Ventotene
 perché considerato pericoloso per la dittatura, l'utopia di un'Europa unificata
democraticamente è diventata progressivamente realtà con l'adesione di un
 numero crescente di paesi europei.

Quel che è stato concretamente realizzato dalla fine della Seconda Guerra
Mondiale in poi è il frutto della visione originaria dei "padri fondatori" delle
prime Comunità europee, visione arricchita nel corso degli anni dal lavoro non solo
delle istituzioni europee e nazionali ma anche di esperti, di funzionari e di una rete
sempre più ampia di organizzazioni rappresentative della società civile.

L'Unione Europea si fonda oggi in particolare su una comunità di ventisette paesi
e quasi cinquecento milioni di cittadini e cittadine che parlano ventitre lingue e scrivono
in tre alfabeti, su uno spazio unico senza frontiere, sulla cittadinanza europea, sulla
moneta unica e su un patrimonio di leggi e di politiche che garantiscono la pace,
la democrazia, la libertà, la stabilità e la prosperità del continente.

Dopo la firma e l'entrata in vigore della CECA nel 1952, dei Trattati di Roma nel 1957
e delle successive modifiche a questi trattati (Atto Unico, Trattato di Maastricht,
Trattato di Amsterdam, Trattato di Nizza), si è giunti nel 2007 alla firma del Trattato
di Lisbona, che chiude il periodo di riflessione scaturito dal risultato negativo dei
referendum sulla Costituzione per l'Europa in Francia e nei Paesi Bassi.
Il processo di ratifica è attualmente in fase di svolgimento, ma i governi degli Stati
membri auspicano che il Trattato possa entrare in vigore prima del rinnovo del
Parlamento europeo, previsto nel giugno del 2009.

Nell'Anno Europeo del Dialogo Interculturale, iniziato sotto il segno della Presidenza
semestrale slovena e caratterizzato dal cinquantenario della nascita del Palamento
europeo, la Giornata dell'Europa rappresenta un'occasione essenziale per riflettere
sul patrimonio di quel che è stato realizzato dalla Dichiarazione di Schuman in poi
e per guardare al futuro del nostro continente.

 

 

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)