Privacy Policy politicamentecorretto.com - on. Franco Laratta (PD): "La giunta regionale in ritiro in Sila? Non sia una vuota passerella. Urge rilanciare la montagna calabrese"!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on. Franco Laratta (PD): "La giunta regionale in ritiro in Sila? Non sia una vuota passerella. Urge rilanciare la montagna calabrese"!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

La notizia che la giunta regionale della Calabria e la sua maggioranza abbiano deciso di venire in Sila, a Camigliatello, per un vero e proprio 'ritiro' a due anni dalle ultime elezioni regionali, non può che essere accolta positivamente, soprattutto da chi vive e ama la montagna calabrese e ne conosce nel profondo i suoi problemi e la sua profonda crisi.
Dopo l'Udc a Lorica, ora il centrodestra calabrese riparte da Camilgliatello. Ma per fare cosa? Non vorremmo fosse la solita passerella, l'occasione di una 'scampagnata' fine a se stessa. Vorremmo che Scopelliti, la sua giunta e la sua travolgente maggioranza dicessero, e soprattutto, facessero qualcosa per la grande assente nelle scelte dell'Esecutivo regionale: LA MONTAGNA CALABRESE!
Sono troppi anni che la Sila, il suo Parco Nazionale, quel meraviglioso Altopiano, e più in generale la montagna calabrese, non vedono e non toccano con mano  un solo investimento, un progetto, un piano di rilancio per la montagna, il turismo, l'economia delle aree interne, l'agricoltura e l'artigianato che pure esistono ma soffrono una crisi terribile.  Siamo certi che Scopelliti e suoi decideranno qualcosa sugli impianti di risalita e gll sport invernali, sulla manutenzione dei boschi silani abbandonati, sugli investimenti per le imprese turistico alberghiere.
Ci aspettiamo, quindi, non un ritiro di facciata con tanto di spot su tv e giornali compiacenti, quanto  decisioni e investimenti per il rilancio della montagna calabrese.
P.s.: Lo fece anche Loiero un bel ritiro in Sila. E si sa come poi è andata a  finire!!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)