Privacy Policy politicamentecorretto.com - Amore Civile, Unioni cCvili, riforma del diritto di famiglia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Amore Civile, Unioni cCvili, riforma del diritto di famiglia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

La famiglia naturale? verso la fine delle discriminazioni. quando la casta fa avanguardia

 

Nell'ambito della conferenza stampa tenuta oggi dai Radicali sul tema "Amore Civile, unioni civili, riforma del diritto di famiglia: conquiste di civilta'", ho dato un contributo per la fine di una delle piu' odiose discriminazioni presenti nel nostro codice civile, quella contro il riconoscimento giuridico delle coppie di fatto.
Governo e opposizione, di fronte ad un problema di assenza di diritto, lo hanno risolto in modo pragmatico, senza pruriti ideologici o religiosi. Vediamo come. Il Consiglio di Presidenza del Senato, il 20 dicembre del 2001, sotto la presidenza del sen. Marcello Pera, per riconoscere i soggetti a cui il senatore puo' estendere la propria assistenza sanitaria. Oltre al coniuge, i figli e un genitore, l'iscrizione puo' essere estesa "al convivente more uxorio, quando la convivenza perduri da almeno 3 anni e risulti da iscrizione anagrafica o da atto notorio; il predetto limite temporale
non e' richiesto in caso di presenza di figli nati dalla convivenza". Non viene specificato il sesso, e si puo' scegliere tra atto notorio o iscrizione in Comune, con il figlio si evita anche l'attesa dei tre anni per far scattare il diritto!
A meno che l'accordo tra destra e sinistra non sia stato trovato per far scattare il privilegio, quale atto migliore si potrebbe prospettare per superare tutti gli scogli finora frapposti per questa carenza di diritto verso le coppie di fatto?
Questo mio contributo sara' contenuto nel pacchetto complessivo che diventera' proposta di legge per la riforma del diritto di famiglia, cosi' come emerso dal convegno sull'"Amore civile" dei giorni scorsi.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)