Privacy Policy politicamentecorretto.com - Diritto di residenza, prevederlo anche per cure superiori ai due anni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Diritto di residenza, prevederlo anche per cure superiori ai due anni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


Intervento della senatrice Radicale Donatella Poretti


Esistono delle situazioni davvero singolari, come quelle che riguardano ad esempio un ospite di una comunità o di un ospedale psichiatrico giudiziario, come tutti gli altri cittadini, per la legge italiana, dopo due anni di permanenza continuativa presso una abitazione dovrebbe essere costretto a prendervi la residenza. Considerato che, se un individuo, durante il suo soggiorno negli istituti sopra indicati perde per qualche motivo la sua abitazione il comune in cui era residente costringe il comune in cui il cittadino è ospite ad attribuirgli una residenza o procede alla cancellazione dalle liste dei residenti nel comune lasciando la persona senza residenza e conseguentemente senza quei diritti di cittadino collegati con la residenza, ad esempio per quanto concerne il medico di medicina generale. Questa situazione però, appare molto problematica sia per gli internati che per gli ospiti delle strutture comunitarie, poiché cittadini, pur cercando di intraprendere un progra
 mma di
re-inserimento, sono di fatto allontanati dal territorio e, nel migliore dei casi, trapiantati in un altro con questa procedura amministrativa. Per queste ragioni, con il collega Perduca ho rivolto un'interrogazione ai Ministri della Salute, della Giustizia e degli Interni, per sapere:

- se il Ministro voglia prendere in considerazione di mantenere le residenze nei territori di origine per le persone che sono detenute, internate o momentaneamente assenti per motivi di cura anche se il periodo di cura supera i due anni;
- se, in caso di perdita di una effettiva residenza fisica nel territorio di origine, la persona possa essere iscritta come residente in quel territorio, anche senza fissa dimora o in maniera assimilata;


Qui il testo dell'interrogazione:http://blog.donatellaporetti.it/?p=2661#more-2661


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)