Privacy Policy politicamentecorretto.com - Deputati PD Estero: “Varchi positivi per gli italiani all’estero nel Decreto Milleproroghe”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Deputati PD Estero: “Varchi positivi per gli italiani all’estero nel Decreto Milleproroghe”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Non è stato improduttivo per gli italiani all’estero il passaggio alla Camera del Decreto Milleproroghe. Pur trattandosi di un provvedimento strettamente legato a precedenti e determinate scadenze normative, l’impegno dei parlamentari del PD eletti all’estero è riuscito ad aprire qualche varco importante. Si vede anche da queste cose che con il nuovo Governo il clima è cambiato e che, nonostante le gravi difficoltà del momento, si cerca di lasciarsi alle spalle la pratica delle pregiudiziali di schieramento per dare priorità ai problemi reali.

Sulla proroga delle detrazioni per carichi di famiglia, sulle quali da tempo stanno lavorando i deputati Fedi e Narducci, un emendamento presentato dall’on. Di Biagio e cofirmato dai suddetti parlamentari, ha consentito di prolungare anche per l’anno in corso questo beneficio.

E’ stato inserita nel Decreto, dopo una lunga trattativa con il Governo, anche la proroga della franchigia fiscale riconosciuta ai lavoratori frontalieri sottoposti a doppio regime fiscale. L’on. Gianni Farina su questo ha presentato un emendamento, poi assorbito in una proposta dei deputati della commissione bilancio Braga, Vannucci e Marchioni che l’esecutivo ha accettato nonostante le remore avanzate dalla Ragioneria dello Stato.

Nella discussione degli ordini del giorno seguita al voto di fiducia, è stato accolto quello, a prima firma Porta, che chiede al Governo di adoperarsi per favorire la riapertura dei termini della presentazione delle domande di riconoscimento della cittadinanza italiana a beneficio delle persone provenienti dai territori dell’ex Impero austro-ungarico, e loro discendenti.

E’ stato ugualmente accolto un altro ordine del giorno, con la prima firma di Laura Garavini, che impegna il Governo ad adoperarsi affinché il rinnovo dei COMITES e del CGIE avvenga entro l’autunno del corrente anno sulla base della normativa vigente.

Forse è presto per dire che si è avviato un percorso di ricostruzione delle politiche rivolte agli italiani all’estero, dopo le devastazioni degli ultimi anni, ma anche se siamo di fronte a segnali ancora intermittenti, è giusto apprezzarne il valore e la direzione di marcia.

 

I deputati del PD eletti all’estero:

 

Gino Bucchino

Gianni Farina

Marco Fedi

Laura Garavini

Franco Narducci

Fabio Porta

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)