Privacy Policy politicamentecorretto.com - Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Da giorni la sicurezza e l'immigrazione sembrano la principale preoccupazione del nuovo Governo, che sulla materia annuncia provvedimenti severissimi, e a mio parere anche illegittimi oltre che sbagliati, come l'introduzione del reato di immigrazione clandestina e la sospensione del trattato di Schengen.

I due casi oggetto di due interrogazioni parlamentari che ho appena presentato insieme al collega Marco Perduca,dimostrano come l'accanimento giudiziario e militare con cui si cerca di arginare il fenomeno dell'immigrazione già oggi provocano gravi ferite anche ai più elementari diritti dell'uomo.

Nel carcere di Venezia è deceduta l'8 maggio scorso, in circostanze non chiare, una donna al sesto mese di gravidanza. Come ha denunciato l'Associazione Antigone, la donna sarebbe giunta all’ospedale ormai in coma e con il feto morto in grembo. La donna, straniera, era  appena giunta in Italia ed aveva confessato al magistrato di aver ingerito alcuni ovuli di cocaina. Apparentemente, si è ritenuto necessario incarcerare la donna piuttosto che inviarla in una struttura sanitaria attrezzata, così come richiederebbe la legge.

Quattro giorni prima, come ha denunciato il Gruppo EveryOne, un romeno di 28 anni e' morto dopo essere stato fermato dai Carabinieri di Fontana Liri, in provincia di Frosinone. Le ricostruzioni degli organi di stampa sono contrastanti, mentre un comunicato diffuso dall'Arma spiega che l'uomo si sarebbe gettato improvvisamente dalla tromba delle scale mentre era in attesa di essere ascoltato.

In entrambi i casi, i decessi sono avvenuti in circostanze poco trasparenti, e proprio perche' si tratta di immigrati, le vicende non hanno assunto quel rilievo mediatico spesso necessario per arrivare in fondo alla verità.

Mi auguro che il nuovo Governo, ed in particolare i ministri della Giustizia, dell'Interno e della Difesa vogliano far luce sull'accaduto e sanzionare, qualora vi siano, eventuali responsabilità. Soprattutto mi auguro che quella 'difesa della vita' di cui si riempiono la bocca autorevoli esponenti cattolici della maggioranza riesca a prevalere sull'istinto disumano e portatore di morte con cui si continua a voler affrontare il fenomeno dell'immigrazione.

I testi delle due interrogazioni:
1 – quella relativa al carcere di Venezia: http://blog.donatellaporetti.it/?p=24
2 – quella relativa ai fatti in provincia di Frosinone: http://blog.donatellaporetti.it/?p=23

Invia commento comment Commenti (0 inviato)