Privacy Policy politicamentecorretto.com - Farmacie. Le liberalizzazioni, l'ampliamento della pianta organica e le parafarmacie

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Farmacie. Le liberalizzazioni, l'ampliamento della pianta organica e le parafarmacie

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della sentarice Donatella Poretti, Radicali/Pd

Bene che il decreto liberalizzazioni finalmente vada ad intaccare il mercato chiuso delle farmacie attraverso l'intervento sulla pianta organica riducendo significativamente da 5 mila a 3 mila il numero degli abitanti per aprire una farmacia. Numeri che secondo stime fornite dalla Commissione Sanita' porterebbero all'apertura di nuove 7 mila farmacie.
Sarebbe auspicabile l'abolizione tout court della pianta organica come e' avvenuto in Germania con una sentenza della Corte Costituzionale perche' limitativa della liberta' di mercato. In Italia, invece, la corporazione dei farmacisti titolari di farmacia ha cercato di impedire qualsiasi forma di liberalizzazione pur chiesta ripetutamente dall'Autorita' per la Concorrenza e il Mercato.
Oggi il decreto per li liberalizzazioni va nella strada giusta di rivedere la pianta organica, eppure per i nuovi concorsi che le Regioni dovranno indire occorrera' prevedere una norma per le parafarmacie.
Giovani farmacisti che hanno creduto in una legge dello Stato (le liberalizzazioni di Bersani) e hanno investito capitale umano ed economico e hanno aperto esercizi commerciali non potranno essere ora inutilmente penalizzati da una nuova legge. Se nuove farmacie ci saranno alcune potranno essere la mera trasformazione delle parafarmacie in farmacie, hanno gia' i locali, alcuni farmacisti e i farmacisti titolari, titoli non validi per partecipare ai concorsi per l'assegnazione di nuove farmacie, che si vedrebbero infatti bypassati da dipendenti di farmacie. In questo caso la creazione di una "riserva" dei nuovi esercizi sarebbe un atto dovuto da parte del legislatore. In questa direzione con il senatore Marco Perduca presenteremo degli emendamenti.

A questo link il mio intervento in Commissione Sanita'
http://blog.donatellaporetti.it/?p=2716

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Salvatore greco, 09 Febbraio, 2012 09:59:37
    Gentilissima senatrice Poretti Complimenti per pet le sue dichiarazioni Ottimo il quorum di 3000 abitanti/farmacia Sono laureato e abilitato, svolgo l'attività. Di informatore scientifico, e credo che anche alla nostra categoria (siamo tantissimi) debba essere data la stessa possibilità di risultare titolari di farmacia allo stesso modo dei titolari di parafarmacia e dei collaboratori di farmacia , in quanto in possesso degli stessi titoli di studio, e inoltre molti di noi non avrebbere la possibilità economica di allestire un parafarmacia , Sicuro di una risposta Con fiducia Salvatore Greco