Privacy Policy politicamentecorretto.com - on. Franco Laratta al Governo: "Situazione gravissima in Calabria per l'emergenza maltempo. Urgono interventi urgenti prima della nuova pertubazione prevista nel fine settimana"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on. Franco Laratta al Governo: "Situazione gravissima in Calabria per l'emergenza maltempo. Urgono interventi urgenti prima della nuova pertubazione prevista nel fine settimana"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Neve e gelo hanno messo in ginocchio la Calabria. In alcune aree interne la neve supera il metro di altezza e il ghiaccio ha bloccato tutto! La situazione diventerà gravissima entro pochissimi giorni, per molti paesi delle aree interne, per le aziende agricole e per l'intera economia di ampie zone della Calabria. C'è un notevole sforzo, in queste ore, da parte di enti e strutture pubbliche, ma occorre un intervento straordinario del Governo e della Regione. Le zone ancora in grave difficoltà, diverse della quali in condizioni di isolamento, senza energia elettrica e senz'acqua, devono essere 'liberate' e portate alla normalità prima dell'arrivo della nuova e annunciata pertubazione di fine settimana in Calabria. Una particolare attenzione va riservate alle aziende agricole e agli allevamenti che in alcune zone vivono condizioni drammatiche. Si aiutino anche i comuni, molti dei quali sono piccoli e senza mezzi. Occorre la massima allerta, in tutta la fascia silana e presilana, nelle zone interne del Pollino e dell'Aspromonte, in tutti i piccoli comuni distanti dalle reti di comunicazione. Giungono infatti richieste di aiuto da parte di enti pubblici e di strutture e aziende private.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)