Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lavoro disabili. Lo scivolo alla pensione blocca l'accesso all'occupazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lavoro disabili. Lo scivolo alla pensione blocca l'accesso all'occupazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Radicale Donatella Poretti

Il fondo di solidarietà per il personale del Credito, a seguito di intese con le parti interessate, ha esteso la normativa a favore degli esodi volontari. Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi a cui si applicano i contratti collettivi del credito e i relativi contratti complementari.
L’attività è divisa tra parte ordinaria, che finanzia programmi di formazione, e straordinaria, che eroga assegni di sostegno al reddito per lavoratori in esubero prossimi ai requisiti pensionistici, scelti in base agli accordi sindacali e che aderiscono volontariamente. La crisi finanziaria ha però impattato profondamente sul Fondo di solidarietà dei dipendenti del credito perché ha gestito le ricadute delle ristrutturazioni bancarie degli ultimi dieci anni e più recentemente ha gestito gli esuberi derivanti dalla crisi finanziaria.

Le riorganizzazioni degli ultimi anni hanno accresciuto sempre più il numero dei lavoratori accompagnati alla pensione con “scivoli costosissimi” per durate fino a 60 mensilità.
Considerato che, le aziende di credito che ricorrono al Fondo di solidarietà, hanno diritto alla sospensione degli obblighi occupazionali all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, molte aziende di credito hanno visto il numero dei dipendenti riconducibili alle categorie protette ridotto anche del 50% rispetto a quanto previsto dalla norma. Per queste ragioni, con il collega Marco Perduca ho rivolto un'interrogazione al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega alle Pari Opportunità, per sapere:

- quali siano gli strumenti adottati per verificare che la sospensione sia stata effettuata esclusivamente nello specifico territorio di competenza dell’Amministrazione Provinciale e non per ridurre in modo arbitrario la presenza di disabili e categorie protette nel settore creditizio;

- se il Ministro non ritenga auspicabile promuovere un'indagine per verificare come le pratiche di sospensione tendano a diventare, in un contesto di crisi, permanenti, compromettendo l’integrazione lavorativa dei cittadini con disabilità e in generale le finalità della norma finalizzata a politiche attive del lavoro in una più ampia strategia di inclusione sociale e lavorativa e di pari opportunità.

Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=2722

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)