Privacy Policy politicamentecorretto.com - Eternit, Bianchi: "Nessuno scambio tra lavoro e salute"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Eternit, Bianchi: "Nessuno scambio tra lavoro e salute"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

di Stella Bianchi 

 

 

Il nostro primo pensiero va alle vittime e ai loro familiari che dopo decenni di ferma e tenace battaglia vedono finalmente riconosciute le responsabilità penali di chi ha colpevolmente avvelenato territori e comunità.

La sentenza del tribunale di Torino, che condanna oggi a 16 anni di reclusione i due massimi dirigenti della Eternit per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche, è una sentenza storica che unisce tutela dell'ambiente e della salute umana alla altrettanto irrinunciabile sicurezza sul lavoro. Non é accettabile nessuno scambio tra salute e lavoro. E anzi l'industria è responsabile penalmente dei danni all'ambiente e alla salute umana che la sua attività produce.

Ora è il momento di sostenere concretamente tutte le vittime dell'amianto e di far partire le bonifiche nelle aree inquinate, non solo Cavagnolo e Casale Monferrato ma anche Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli a Napoli. E insieme a questo, scegliere con decisione l'unica strada di sviluppo possibile, l'economia verde, che unisce rispetto dell'ambiente e creazione di lavoro e che dovrebbe diventare centrale nell'azione del governo Monti per riportare il paese su un sentiero di crescita.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)