Privacy Policy politicamentecorretto.com - Incontro tra parlamentari tedeschi e italiani per promuovere nuove collaborazioni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Incontro tra parlamentari tedeschi e italiani per promuovere nuove collaborazioni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Incontro tra parlamentari tedeschi e italiani per promuovere nuove collaborazioni

Garavini (PD): “Rafforzare l’amicizia tra Italia e Germania“

 

“In un momento delicato come quello attuale è essenziale rafforzare la radicata amicizia che lega l’Italia e la Germania. Dobbiamo lavorare insieme per promuovere lo sviluppo sociale ed economico dei nostri Paesi e dell’Europa”. Lo ha detto Laura Garavini in occasione dell’incontro dell’Unione Interparlamentare italo-tedesca, che si è tenuto questa mattina alla Camera dei Deputati.

“L’Unione interparlamentare Italia-Germania è l’occasione per una più approfondita conoscenza reciproca. E’ uno strumento efficace per promuovere la crescita nel quadro dell’integrazione europea e dell’amicizia”, ha affermato la deputata Pd eletta nella ripartizione Europa, che da vent’anni vive in Germania. “Può offrire inoltre le basi per promuovere insieme iniziative dedicate alla memoria e alla denuncia dei crimini nazifascisti. Anche la recente sentenza della Corte internazionale dell’Aja, oltre a chiudere il contenzioso giuridico tra l’Italia e la Germania sugli indennizzi alle vittime dei crimini nazisti”, ha aggiunto Laura Garavini, “rende ancora più necessario uno sforzo politico congiunto per coltivare la memoria, affinché crimini analoghi non si debbano mai più ripetere”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)