Privacy Policy politicamentecorretto.com - “NUOVA” LEGGE ELETTORALE E VOTO ALL’ ESTERO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“NUOVA” LEGGE ELETTORALE E VOTO ALL’ ESTERO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Vorrei premettere al solito commentatore della domenica italo-tedesco, che l’ oggetto della discussione non e’ la legge elettorale, bensi’ il voto all’ estero, onde evitare ulteriori suoi commenti insulsi e grotteschi”

 

In un Italia storicamente divisa in molte etnie italiche con l’ attuale particocrazia, un sistema maggioritario tipo anglosassone, porterebbe in parlamento i soliti noti, ricchi e appagati.           Quindi occorre ( come da me spesso ribadito) un sistema maggioritario uninominale a livello circoscrizionale, con candidati residenti in loco, liste sempre a livello circoscrizionale, con relativo nome e cognome del candidato gia stampato sulle liste, con un tot di sottoscrizioni , aggiornate ad ogni tornata elettorale, assegnazione dei seggi in proporzione ai voti ottenuti dai candidati a prescindere dalle liste, con un unico sistema elettorale nazionale e locale. Teorema, Tesi e Dimostrazione, ossia, ridare al cittadino quel che gli spetta per Costituzione: la sovranita! (questo e’ quanto scrivevo in un mio recente pezzo)

 

Con un sistema elettorale alternativo sia al mattarellum, sia al porcellum da me proposto, le circoscrizione estere, verrebbero amalgamate a quelle nazionali. Quindi non piu’ rappresentanze all’ estero, ma dall’ estero ed elette alla pari, con un “voto e rappresentanze in parlamento eguale per tutti, in base al numero di cittadini aventi diritto”. Se in Italia viene eletto un rappresentante ogni ( diciamo) 100 mila elettori, cosi’ sara’anche dall’ estero, ergo, eguale voto eguale rappresentanza ed eguale voce in capitolo!!!

Carmine Gonnella (Progetto Pie) Londra

 


 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Donato Zagarone, 21 Febbraio, 2012 10:40:04
    Adesso le rispondo io Sig. Cambiano, per quanto ne sappia io Signore Carmine Gonnella non e’ mai stato iscritto a nessun partito, si firma Pie per spirito di appartenenza. La sua proposta e’ qualcosa di nuovo e innovativo, che lei la prenda o no in condiderazione e’ irrilevante. Forse il Gonnela non avra’ il sapere divino, ma conosce molto bene quello degli umani.Questa e’ la mia opinione. Guardi bene che da quano lo seguo anche su questo portale il Gonnella e’ l’ unico che ha sempre risposto a tutti i suoi commenti critici o non. E si, vergogni, accusarlo di fare copia e incolla, quando lei lo fa da una vita anche su altri giornali.
  • Inviato in data rosario cambiano, 21 Febbraio, 2012 07:15:22
    Vorrei rispondere all´anglo-sassone di non copiare le parole del suo amico e compagno dipietrista,anche se ti firmi del PIE.Sulla tua proposta, come gia detto tempo fa´spiegando anche il perché, e´non prenderla nemmeno in considerazione.Quando si mette un articolo si ci deve sempre ricordare che non si possiede il sapere divino e si va incontro anche alla critica.È non gioire anche quando altri maleducati rispondono con parole degne della loro educazione.