Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il male nel mondo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il male nel mondo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Su La Repubblica del 15 gennaio, Corrado Augias scrive: " «Donde viene dunque il male?»... Agostino conclude che nonostante non sia capace di trovare una risposta certa, egli resta tuttavia radicato nella sua fede. Altri invece hanno visto proprio nella presenza del male senza ragioni e senza rimedio una delle più fondate ragioni di dubbio. Non si parla qui del male commesso dagli adulti che sono liberi nel loro arbitrio; bensì del male che colpisce alla cieca creature innocenti e inconsapevoli. Perché quel bambino nasce sano e l’altro viene al mondo con una tara che lo porterà rapidamente a morte tra penose sofferenze?". E per quale ragione non dovremmo ritenere Dio responsabile anche del male immenso commesso dagli uomini, male che colpisce, alla cieca e non, una moltitudine di creature innocenti o colpevoli, consapevoli o inconsapevoli? Non sarebbe responsabile d'aver creato esseri capaci delle azioni più nefande? Di non aver posto un limite alla capacità di compiere il male? E siamo certi che la possibilità di distruggere, violentare, sottomettere, uccidere, possa chiamarsi libertà? Questa possibilità ha privato la maggior parte dell'umanità della vera libertà, vale a dire di vivere degnamente.

 

Elisa Merlo

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)