Privacy Policy politicamentecorretto.com - All'Assemblea plenaria del CGIE per fissare politiche prioritarie per gli italiani all'estero

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

All'Assemblea plenaria del CGIE per fissare politiche prioritarie per gli italiani all'estero

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (PD): "Risorse per lingua e cultura e rinnovo di Comites e Cgie"

 

“Condivido le richieste avanzate in via prioritaria dal Cgie al Governo. Trovare risorse aggiuntive per gli enti gestori in modo da potere proseguire nell’offerta di corsi di lingua e cultura nel mondo e procedere al rinnovo di Comites e Cgie entro l’autunno di quest’anno”. Lo ha detto Laura Garavini (Pd), eletta nella circoscrizione estero, intervenendo all'Assemblea Plenaria del Cgie, in corso alla Farnesina.

“I processi di ‘spending review’, diventano decisivi per trovare risorse che allevino lo stato di sofferenza della nostre comunità all’estero”, ha proseguito la parlamentare del Pd, “ma anche un'ulteriore riduzione degli sprechi che sono ancora vergognosamente in atto nell'apparato pubblico italiano e una seria lotta all’espatrio di capitali all’estero potranno contribuire a migliorare i conti dello Stato e a recuperare fondi”. Garavini ha infine sottolineato come in questa fase di transizione, in vista delle politiche del 2013, "anche piccoli provvedimenti, sostanzialmente a costo zero, potrebbero essere di grande beneficio per le nostre comunità: ad esempio, la proposta di legge sui diritti del personale a contratto del Ministero degli Affari Esteri, o quella sul riacquisto del diritto di cittadinanza, o ancora la stipula di una convenzione tra patronato e Mae", per sopperire alla riduzione o estinzione dei servizi erogati.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)