Privacy Policy politicamentecorretto.com - On. Franco Laratta, Pd: "LA POLITICA IN CALABRIA VA IN EREDITA' DA PADRE IN FIGLIO! E ALLE VECCHIE DINASTIE SI AGGIUNGONO LE NUOVE DINASTIE, CHE OCCUPANO PARTITI, COMUNI, REGIONE.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On. Franco Laratta, Pd: "LA POLITICA IN CALABRIA VA IN EREDITA' DA PADRE IN FIGLIO! E ALLE VECCHIE DINASTIE SI AGGIUNGONO LE NUOVE DINASTIE, CHE OCCUPANO PARTITI, COMUNI, REGIONE.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

UNA COSA INDECENTE, SIA QUANDO LA FA LA DESTRA, SIA QUANDO LA FA IL CENTRO SINISTRA. IL CASO DI ROSSANO(CS), E' PARTICOLARMENTE INSOPPORTABILE! Non è il primo caso, certo, visto che da decenni le dinastie dominano la politica e le istituzioni meridionali. Ma quest'ultimo caso fa notizia. Anche perchè accade "all'insaputa del padre", Giuseppe Caputo, PDL, vicesindaco di Rossano (cs), per una decina d'anni già sindaco della grossa cittadina jonica. O meglio, tutto accade contro il suo volere! Caputo padre si dice del tutto contrario alla scelta del sindaco Antoniotti di nominare suo figlio vicesindaco, all'indomani della sua scelta (leggi costrizione) di lasciare la poltrona del comune per incompatibilità con il seggio di consigliere regionale. Ma il sindaco Antoniotti, gran testardo, non ne ha voluto sapere. E quindi: se il padre è costretto a lasciare, nomina il figlio, all'insaputa del padre, e forse anche del figlio stesso, quale nuovo vicesindaco, al posto del padre, nonostante il figlio! Costi quel che costi! Quindi, niente scandalo. Il consigliere regionale Caputo chiarisce: «Non condivido la scelta fatta dal sindaco di concerto con mio figlio Guglielmo. Tra l'altro non sono stato per nulla coinvolto in questa decisione. Resto comunque convinto, la cosa migliore per Guglielmo era quella di continuare a svolgere la professione di avvocato. È ancora troppo giovane per fare politica». MA SE FOSSE COSI, IL FIGLIOLETTO POTREBBE TRANQUILLAMENTE FAR LA SCELTA GIUSTA! LIBERAMENTE, ALL'INSAPUTA DEL POTENTE PAPA'  

Invia commento comment Commenti (0 inviato)