Privacy Policy politicamentecorretto.com - Buona parte del territorio calabrese è soggetta a rischio idrogeologico

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Buona parte del territorio calabrese è soggetta a rischio idrogeologico

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Al ministro dell’Ambiente, Tutela de territorio e del mare – Per sapere – Premesso che:

- buona parte del territorio calabrese è soggetta a rischio idrogeologico, notevolmente aumentato negli ultimi anni a causa di un progressivo abbandono dei territori montani ed ancor di più di un progressivo sviluppo urbanistico spesso dissennato e dell’abusivismo che hanno interessato anche aree in prossimità dei corsi d’acqua o di zone franose;

- a fronte dell’ingente rischio idrogeologico gli Enti preposti in Calabria sono sempre intervenuti per riparare o tamponare i danni, piuttosto che predisporre o aggiornare un adeguato Piano di Assetto Idrogeologico Regionale tale da programmare le iniziative necessarie a mettere in sicurezza la popolazione durante gli eventi calamitosi;

- gli eventi calamitosi abbattutosi negli ultimi mesi in Calabria e le numerose piogge stanno davvero creando rischi alle popolazioni ed anche ai beni culturali della Regione;

-  la storia della città di Castrovillari (CS) ruota attorno al colle della Madonna del Castello dove insiste il relativo Santuario; nei giorni scorsi si è verificata una frana proprio nelle vicinanze del citato Santuario; di quasi cento metri il fronte franoso ed una cinquantina il salto nella valle proprio a ridosso del muretto che delimita la parte finale della strada che arriva al Santuario;

- Numerosi sono anche gli Enti locali calabresi che tardano a programmare una efficace ed adeguata politica di prevenzione e pianificazione d’emergenza;

- Le risorse finanziarie risultano decisamente insufficienti per coprire le spese di ripristino dei luoghi colpiti da fenomeni di dissesto idrogeologico ed anche i criteri di ripartizione delle stesse risorse risultano sproporzionati rispetto alle effettive condizioni di rischio:

- Quali urgenti iniziative si intendano attuare per un’adeguata sistemazione idrogeologica del territorio calabrese, che superi la cultura dell’emergenza permanente e che contrasti qualsiasi forma di abusivismo o di ricorso a sanatorie edilizie;

- Se non ritenga necessario ed urgente far adottare dalla Regione Calabria un aggiornato ed adeguato piano per la messa in sicurezza delle zone a rischio del territorio calabrese.

On. Angela NAPOLI

Invia commento comment Commenti (0 inviato)