Privacy Policy politicamentecorretto.com - MARCUCCI, MECACCI (PD): "SI FACCIA TUTTO IL POSSIBILE PER LA LIBERAZIONE DI MARIA SANDRA MARIANI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MARCUCCI, MECACCI (PD): "SI FACCIA TUTTO IL POSSIBILE PER LA LIBERAZIONE DI MARIA SANDRA MARIANI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Lo affermano in una nota i parlamentari Andrea Marcucci (Pd) e Matteo Mecacci (radicale eletto nelle liste del Pd) presidente della Commissione Democrazia, Diritti Umani e Questioni Umanitarie dell' Assemblea Parlamentare dell'OSCE

"Siamo preoccupati dal silenzio che avvolge il rapimento di Maria Sandra Mariani, la turista fiorentina che e' nelle mani dei sequestratori da oltre 13 mesi. Chiediamo al ministro Terzi di adottare tutte le possibili iniziative diplomatiche e politiche per ottenere la liberazione della nostra connazionale".
Lo affermano in una nota i parlamentari Andrea Marcucci (Pd) e Matteo Mecacci (radicale eletto nelle liste del Pd) presidente della Commissione Democrazia, Diritti Umani e Questioni Umanitarie dell' Assemblea Parlamentare dell'OSCE, raccogliendo l' appello lanciato ieri dai genitori della turista fiorentina,  rapita nel febbraio del 2011 nell'oasi di Djanet in Algeria
"Domani i familiari di Maria Sandra incontreranno l' unita' di crisi della Farnesina - proseguono Marcucci e Mecacci- ma e' evidente che siamo chiamati tutti a rompere il muro di gomma che circonda questo sequestro. Per questo ci auguriamo che il mondo dell' informazione torni a parlare di un caso che purtoppo sembra essere dimenticato, va infatti messa in campo una vasta azione di sensibilizzazione dell' opinione pubblica. Pur essendo consapevoli della necessità di riservatezza richiesta alle nostre autorità in questi casi- concludono i parlamentari- riteniamo che il tempo trascorso non possa e non debba tradursi in rassegnazione, ma che occorra invece il massimo sforzo per giungere a una soluzione positiva di questa drammatica vicenda"

Invia commento comment Commenti (0 inviato)