Privacy Policy politicamentecorretto.com - I deputati Franco Laratta e Rosa Calipari al Governo e alla regione Calabria: "Intervenire sulla crisi delle cliniche calabresi e in particolar modo sulla Casa di Cura Madonna della Catena di Laurignano"‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

I deputati Franco Laratta e Rosa Calipari al Governo e alla regione Calabria: "Intervenire sulla crisi delle cliniche calabresi e in particolar modo sulla Casa di Cura Madonna della Catena di Laurignano"‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

I deputati Franco Laratta e Rosa Calipari al Governo e alla regione Calabria: "Intervenire sulla crisi delle cliniche calabresi e in particolar modo sulla Casa di Cura Madonna della Catena di Laurignano. In Calabria migliaia di posti di lavoro a rischio e gravi ripercussioni sui pazienti. Sitazione insostenibile"! 
 
La situazione delle case di cura e delle cliniche private in Calabria è ormai al limite del collasso.  Diverse centinaia di dipendenti sono senza stipendi da mesi; decine di  migliaia di cittadini rischiano di avere minori possibilità di curarsi, tutto questo mentre la sanità pubblica è allo sbando in tutta la Regione.
Molto grave, in particolar modo, la situazione della Casa di cura Madonna della Catena srl, con sede a Laurignano di Dipignano (Cosenza). Questa situazione sta già colpendo i 180 dipendenti dell’azienda. La Casa di cura, una clinica privata convenzionata con la regione, è nata 16 anni fa e si occupa di riabilitazione intensiva neurologica, motoria, oncologica, uro-ginecologica e di lungodegenza riabilitativa. Assicura un totale di 135 posti letto, più 16 posti di riabilitazione estensiva extraospedaliera, alla quale accedono, anche per trasferimento diretto, pazienti provenienti dai reparti ospedalieri per acuti (neurologie, neurochirurgie, ortopedie, oncologie, reparti di geriatria, reparti di medicina interna nonchè rianimazione) di tutta  la regione, e anche da fuori.
Nel corso di questi anni si sono alternate tre gestioni amministrative. Ma i risultati sono sempre più gravi e negativi.


I lavoratori, da parte loro, consapevoli delle difficoltà, continuano (praticamente gratis!) a svolgere le loro mansioni nella clinica.  Ma la crisi di immagine della stessa (con riduzione, negli ultimi mesi, del numero di ricoveri), le prospettive sempre più negative che sembrano profilarsi all’orizzonte e i conseguenti timori per la sorte di lavoratori e famiglie rendono lo stress e le responsabilità ormai insostenibili.
Laratta e Calipari hanno chiesto al Ministro della Salute un intervento urgente finalizzato ad affrontare le condizioni di crisi delle cliniche della Calabria, praticamente tutte in fortissima crisi dopo le scelte e del decisioni adottate dalla Regione Calabria e nel particolare dal Commissario Scopelliti.  Particolare attenzione viene chiesta per la Casa di Cura di Laurignano (CS)

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)