Privacy Policy politicamentecorretto.com - Pon Sicurezza. Presentato il progetto “Le torri fortificate vedette della legalità”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Pon Sicurezza. Presentato il progetto “Le torri fortificate vedette della legalità”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


È stato presentato, il 15 marzo 2012,  presso la sede del Consorzio Area Marina Protetta di Porto Cesareo (Le), il progetto “Le Torri fortificate vedette della legalità”.  L’intervento, finanziato dal PON Sicurezza 2007-2013, prevede l’installazione di telecamere ad alta risoluzione su sei delle nove Torri costiere fortificate del XVI secolo, erette per difendere il territorio dalle incursioni saracene (Inserraglio, Santo Isidoro, Squillace, Cesarea, Chianca, Lapillo).
Il sistema di videosorveglianza intelligente verrà realizzato con risorse pari a 1,5 milioni di euro e ha l’obiettivo di garantire la tutela ambientale dell’Area marina protetta che abbraccia il litorale dei comuni di Nardò e Porto Cesareo. Questa Riserva Marina dello Stato - terza per estensione in Italia, con i suoi 16.654 ettari di superficie marina e una linea di costa di circa 32 chilometri - nei mesi estivi è meta di oltre 100mila visitatori e purtroppo, nel tempo, è stata oggetto di diversi e ripetuti attacchi: abusi edilizi, conferimento abusivo di rifiuti, pesca illegale, caccia di specie protette.
Grazie al progetto PON sarà possibile rilevare eventuali intrusioni nelle zone interdette e documentare infrazioni anche negli adiacenti parchi regionali.  Il  sistema di telecontrollo, a basso impatto visivo ma ad altissima tecnologia, composto da due Radar per la rilevazione di intrusioni nelle zone interdette (sulle torri Squillace e Santo Isidoro) e 6 telecamere con visione diurna/notturna, consentirà un monitoraggio capillare a supporto delle operazioni di controllo delle Forze dell’Ordine. La centrale operativa sarà istituita presso la sede del Consorzio di gestione Area Marina Protetta. 
Soddisfatto il presidente del Consorzio, Rocco Durante, che ha auspicato la collaborazione sinergica di tutti i Comuni interessati al fine di garantire la legalità, la difesa e lo sviluppo del territorio. 
«La difesa del territorio, dalla costa al mare - ha commentato a margine della conferenza - è sempre stato il nostro obiettivo. Abbiamo lavorato tanto per avviare questo importante progetto. Ora non possiamo che essere contenti».
Nella foto il logo del Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)