Privacy Policy politicamentecorretto.com - Cassazione. Normativa inadeguata. Madre detenuta non può stare accanto al figlio‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Cassazione. Normativa inadeguata. Madre detenuta non può stare accanto al figlio‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Dichiarazione dei Senatori Radicali Donatella Poretti e Marco Perduca>> I senatori Donatella Poretti e Marco Perduca stamani hanno depositato un’interrogazione > sul caso della detenuta R.P. madre di un bimbo, attualmente sottoposta a > custodia cautelare in carcere, che si è vista rigettare il ricorso > presentato dai suoi avvocati prima dal Tribunale di Napoli e lo scorso > mese di marzo dalla Cassazione. Le ragioni di tale rigetto sono riferibili > alla nuova legge sulle detenute madri, che, in mancanza della completa > attuazione del piano straordinario penitenziario, non potrà produrre i > suoi effetti prima del 2014, e per queste ragioni le detenute madri nel > frattempo non potranno usufruire di una pena più leggera e più consona > alla condivisione del periodo coi loro figli, poiche’ gli istituti a > custodia attenuata (Icam) non sono stati ancora regolamentati, seppure > risultino avviati in forma sperimentale nella sola citta’ di Milano. La > Cassazione critica aspramente la formulazione della legge sulle detenute > madri approvata lo scorso anno,> ravvisandone l’incostituzionalità e sottolineando che "sarebbe davvero > paradossale ed in contrasto con più parametri di costituzionalità, far > dipendere l’applicazione di un regime carcerario di indubbio favore dalla > semplice esistenza e disponibilità di ‘posti’ presso una struttura > sperimentale dell’amministrazione penitenziaria". E dire che a più riprese > i radicali hanno denunciato che la legge fosse più che altro un vuoto > manifesto che troppo poco o quasi nulla metteva concretamente in atto per > consentire nell'immediatezza condizioni più dignitose per le detenute > madri e per far uscire i loro bambini dalle squallide celle dove esse > scontano la pena. Non a caso, infatti, la delegazione Radicale espresse > voto contrario in sede di approvazione di questa legge.>> Oggi, a seguito delle critiche della Cassazione alla legge, si interroga > dunque il Ministro della Giustizia, per sapere:>> - se e come il Governo intenda reagire, adeguando le norme della legge > sulle detenute madri, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione;>> - se il Governo comunque non condivida la necessità di rendere quanto > prima operativa la legge del 2011;>> - quando il Governo intenda dare completa attuazione al piano > straordinario penitenziario con la previsione di apposita regolamentazione > degli ICAM e conferimento delle relative risorse economiche di > funzionamento;>> - quando il Governo intenda emanare il decreto ministeriale che – ai sensi > dell’articolo 4 della legge n. 62/2011 – entro centottanta giorni dalla > data di sua entrata in vigore doveva, d’intesa con la Conferenza > Stato-città e autonomie locali, determinare le caratteristiche tipologiche > delle case famiglia protette previste dall’articolo 284 del codice di > procedura penale e dagli articoli 47-ter e 47-quinquies della legge 26 > luglio 1975, n. 354;>> - quali siano tempi entro i quali il Governo intenda stipulare con gli > enti locali convenzioni volte ad individuare le strutture idonee ad essere > utilizzate come case famiglia protette, ai sensi del comma 2 dell’articolo > 3 della medesima legge n. 62.>>

Qui il testo dell’interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=

Invia commento comment Commenti (0 inviato)