Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sangregorio(MDLAgentina)"Ancora non è chiaro se la nuova legge elettorale cancellerà le preferenze per il voto degli italiani nel mondo"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sangregorio(MDLAgentina)"Ancora non è chiaro se la nuova legge elettorale cancellerà le preferenze per il voto degli italiani nel mondo"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

"Ancora non è chiaro se la nuova legge elettorale cancellerà le preferenze per il voto degli italiani nel mondo"
 
"Ancora non è chiaro se la nuova legge elettorale cancellerà le preferenze per il voto degli italiani nel mondo. Tuttavia, credo sia giusto mettere le mani avanti e sottolineare con forza che l'eventualità di avere liste blindate all'estero sarebbe una follia". Ne è convinto Eugenio Sangregorio, Coordinatore del Movimento delle Libertà in Argentina, che oggi interviene sulla riforma della legge elettorale di cui si sta discutendo in Italia.

 

"Capisco – argomenta – che i partiti politici vogliano poter scegliere da sè chi portare in Parlamento: ma possono e devono farlo attraverso le candidature. È qui che bisogna prestare grande attenzione, infatti: nella scelta dei candidati. I candidati siano prima di tutto persone davvero residenti all'estero, possibilmente da tempo, e non sulla carta. Siano persone che conoscono da vicino le comunità italiane all'estero, che abbiano vissuto sulla propria pelle le problematiche dei connazionali. Non possiamo cedere. In Parlamento – sottolinea Sangregorio – devono arrivare i migliori, e devono essere gli italiani all'estero a sceglierli, attraverso le preferenze, non una segreteria di partito".

"I connazionali che conosco e con cui ho parlato e mi sono confrontato su questo tema – riporta Sangregorio – desiderano chiaramente potere indicare nome e cognome della persona da inviare a Roma a rappresentarli. Altri meccanismi andrebbero contro la Costituzione, perché è diritto dei cittadini esprimere la scelta dei propri rappresentanti. Se dovessero essere i partiti, a Roma, a scegliere chi dovrà essere il capolista e quindi l'eletto, sarebbe uno schiaffo alla legge Tremaglia, come ha già detto qualcuno".

"Piuttosto, - aggiunge – concentriamoci sulla sicurezza del voto all'estero: perchè il Parlamento non discute di questo? Perchè i nostri parlamentari eletti all'estero non spingono verso questa direzione? Questo sì che è un tema a cui dare priorità! Se n'è parlato tanto, forse troppo, è ora di passare ai fatti: dobbiamo evitare che alle prossime elezioni certi furfanti possano rubare voti, sì, rubare voti, agli italiani nel mondo". Quindi, citando quanto previsto da praticamente tutte le proposte di legge presentate in questi anni dagli eletti all’estero, Sangregorio elenca: "più controlli, registro degli elettori, rappresentanti di lista nei consolati, più organizzazione nello scrutinio dei voti degli italiani nel mondo. Sono solo alcuni dei punti che dovrebbero essere messi in campo per evitare i brogli e le irregolarità che abbiamo visto nel 2006 e poi ancora nel 2008. La politica che si occupa di italiani all'estero ce la farà? Noi ce lo auguriamo davvero".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)