Privacy Policy politicamentecorretto.com - Diritti bambini. Priorita' per gli italiani, il Parlamento agisca in fretta‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Diritti bambini. Priorita' per gli italiani, il Parlamento agisca in fretta‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Dichiarazione della senatrice dei Radicali, Donatella Poretti, membro > della Commissione bicamerale per l'Infanzia>> Se i diritti dei bambini sono una delle priorita' piu' importanti per gli > italiani, secondo un'indagine effettuata dalla Lorien Consulting per conto > del Garante nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, il Parlamento sembra > non rendersene conto. Inizia il conto alla rovescia per gli ultimi mesi di > legislatura e a questo dovrebbe accompagnarsi l'impegno a votare testi che > rischiano di rimanere in alcuni casi nei cassetti e in altri di perdersi > nei passaggi tra Camera e Senato.>> Qualche esempio.> Figli legittimi e naturali. Anche questa legislatura vede testi di legge > che cercano di cancellare le discriminazioni tra i figli nati dentro e > fuori del matrimonio. Discriminazioni ereditarie e di trattamenti in > Tribunali diversi (ordinari i primi e dei Minori i secondi). E cosi' > mentre l'accordo politico sembra unanime i testi fanno la spola e si > arenano nell'obbligato passaggio bicamerale. L'occasione ora e' al Senato > in commissione Giustizia per eliminare tutte le discriminazioni, ma > occorre fare in fretta.>> Case famiglia. I bambini e ragazzi che vivono “fuori famiglia” di origine > sono più di 32 mila a livello nazionale dei quali circa 15 mila minori > sono ospitati nelle diverse strutture esistenti, gli altri in famiglie > affidatarie. La societa’ investe su ciascuno di loro una media di circa > 250 mila euro che rischiano di perdersi al compimento dei 18 anni se ai > ragazzi non vengono offerte possibilita’ di lavoro o di studio. Strutture > su cui, inoltre occorrerebbero maggiori monitoraggi e trasparenza, e norme > per evitare i ragazzi divenuti maggiorenni vengano rimandati per strada.>> Cittadinanza e ius solis. Dagli appelli del Presidente della Repubblica > alla percezione quotidiana occorre prendere atto di una realta' sempre > piu' diffusa di piccoli cittadini di serie B. Nascono in Italia, > frequentano tutto il nostro percorso scolastico, in alcuni casi non hanno > mai lasciato il nostro territorio o comunque non conoscono il Paese che > rilascia i loro documenti, ma non sono cittadini a pieno titolo perche' i > loro genitori non sono italiani. Stabilire un precorso con dei diritti > sarebbe un dovere per il nostro Paese e quindi rivedere la legge sulla > cittadinanza.>>

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico>

Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83,

 tel.0667063265, fax > 0667064771>

Firenze, via Cavour 68,

Tel. 0552302266 Fax 0552302452> Cellulare: 336252221>

mailto: poretti_d@posta.senato.it>

 Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)