Privacy Policy politicamentecorretto.com - INFLUENZA AVIARIA E RICHIAMI VIVI PER LA CACCIA AGLI UCCELLI ACQUATICI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

INFLUENZA AVIARIA E RICHIAMI VIVI PER LA CACCIA AGLI UCCELLI ACQUATICI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

INTERROGAZIONE AL MINISTRO DELLA SALUTE

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali - Partito Democratico e di Alessandro Rosasco, del Comitato Nazionale di Radicali Italiani

Si e' diffusa la notizia che il ministero della Salute si appresterebbe ad emettere un’Ordinanza con la quale si deroga al divieto di utilizzo dei cosiddetti “richiami vivi”, ovvero uccelli detenuti in cattività e utilizzati per la caccia agli uccelli acquatici. Deroga la cui attuazione spetterebbe a Regioni e Province. Il divieto attualmente in vigore è stato introdotto dalla Commissione europea (recepito dal nostro Paese), per ridurre il rischio che forme di influenza aviaria ad alta patogenicità vengano introdotte, attraverso il contatto con uccelli selvatici infetti o comunque  portatori del virus, nelle aziende avicole e in altre strutture in cui sono detenuti in cattività gli uccelli.

Con il senatore Marco Perduca (Radicali-PD) abbiamo quindi presentato una interrogazione al  Ministro del Lavoro Salute e Politiche Sociali. Maurizio Sacconi. Chiediamo di sapere se corrisponde a verità la notizia e, in caso affermativo,  sulla scorta di quali valutazioni sia stata presa tale decisione, tali da ritenere che il rischio di diffusione da influenza aviaria sia nullo.

Probabilmente è da ritenere più  opportuno, data la dinamica dell’utilizzo dei richiami vivi, in ragione di un’elementare principio di precauzione, mantenere il divieto fino all’effettiva cessazione del rischio.

Qui il testo dell'interrogazione:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=51


Invia commento comment Commenti (0 inviato)