Privacy Policy politicamentecorretto.com - Figli naturali e legittimi, fine delle discriminazioni. Oggi bene la commissione Giustizia, prossima settimana in aula! Appello al presidente Schifani

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Figli naturali e legittimi, fine delle discriminazioni. Oggi bene la commissione Giustizia, prossima settimana in aula! Appello al presidente Schifani

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento dei senatori Radicali Donatella Poretti e Maro Perduca

 

Oggi la commissione Giustizia del Senato ha licenziato il testo che la Camera ci aveva inviato lo scorso luglio per porre termine ad una delle discriminazioni piu' odiose del nostro codice civile, quella tra i figli nati fuori e dentro il matrimonio. Discriminazioni lessicali tra i figli naturali e quelli legittimi che diventano ereditarie e anche di trattamento in Tribunali diversi nelle situazioni in cui i genitori si separino. Tribunali per i Minori i primi e ordinari i secondi. Il testo uscito dalla commissione Giustizia oggi pone fine a questo trattamento differente e l'appello che ci sentiamo di rivolgere al presidente Schifani e' che l'aula del Senato lo metta con urgenza in discussione a partire dalla prossima settimana.
Sappiamo che se c'e' la volonta' politica il Parlamento puo' essere rapido, e speriamo non solo per rispondere alle richieste di controriforme elettorali o costituzionali, ma a quelle di una societa' che corre, si evolve e che la lentezza della leggi spesso non vi si adegua. Sono infatti ormai il 20 per cento dei nuovi nati che sono figli naturali nati da genitori che non sono sposati, ma che non per questo devono essere trattati come di serie b, perfino senza parenti (zii, nonni,...) che possono amarli, ma non considerarli legalmente come appartenenti, ed eredi, legittimi della loro famiglia. Tutta la materia ha bisogno di essere rivista in maniera piu' complessiva dal riconoscimento delle coppie di fatto, al divorzio breve fino al Tribunale per la famiglia, il Parlamento colga l'opportunita' unica di questa condizione di un Governo che ha priorita' economiche e si dedichi alle leggi che interessano la vita quotidiana dei cittadini che devono sopravvivere evitando ostacoli
normativi invece che farsi forti della certezza del diritto.


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)