Privacy Policy politicamentecorretto.com - ROMA CITTA' SICURA? IO AGGREDITA IN CENTRO, LE FORZE DELL'ORDINE DISARMANTI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ROMA CITTA' SICURA? IO AGGREDITA IN CENTRO, LE FORZE DELL'ORDINE DISARMANTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

 

Avevo deciso di sottovalutarlo come un episodio di ordinaria follia quotidiana ma pur sempre nell'ambito di una citta' che vive civilmente la propria quotidianita'. Ma dopo che ho preso atto del parziale rasserenamento degli animi in seguito ai fatti del Pigneto a Roma perche' si tratterebbe di violenza pura e non un episodio della diffusa caccia all'immigrato ora in voga, ho deciso di raccontare cosa mi e' accaduto sabato scorso, 24 maggio, di mattina alle 11,30 in via Nazionale, sempre a Roma. Sono giunta nella capitale dalla mia citta', Firenze, con un treno in compagnia del mio cane Leon e percorrendo a piedi questa affollata e importante arteria urbana per recarmi al Senato, mentre ero in attesa ad un semaforo sono stata aggredita da un signore "sudiciamente" e malamente vestito fortemente alterato (probabilmente italiano ed ubriaco) che, farfugliando parole incomprensibili, mi ha sferrato un calcio nella pancia ed e' andato via. Fortuna per questo tizio che il mio cane non e' aggressivo e sostanzialmente "un simpatico coglionazzo" (nonostante la nomea dell'ignoranza mediatica –e' un pitbull- faccia intendere il contrario), per cui non mi ha difeso ma ha vomitato dalla paura. La cosa invece importante, oltre alla mia agitazione/impressione e a quella di alcuni gentili passanti, e' stata la reazione:
- della polizia che, chiamata, ha preso la segnalazione, dicendo che avrebbe inviato una macchina (che nel giro di mezz'ora non s'e' vista) e su richiesta mi ha consigliato di non fare nulla a meno che non volessi fare una denuncia contro ignoti;
- dei vigili urbani in transito in auto: fermati grazie all'aiuto di un passante che aveva visto dove era andato via l'aggressore, facendo presente l'accaduto, dicevano: "perche' non andate piu' avanti che ci sono i carabinieri, noi abbiamo da fare...". Poi, su insistenza, invertendo il senso di marcia, hanno seguito la direzione dove si era recato l'aggressore.
Ribadisco, alle 11,30 di mattina in via Nazionale.
Ognuno ne tragga le opportune valutazioni. Io, per il momento, mi sento solo a disagio perche', chiedendo aiuto alle forse dell'ordine, anche per evitare che questa persona continuasse a circolare in quelle condizioni, ho percepito come se mi stessero facendo un piacere.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data carmine , 28 Maggio, 2008 09:47:32
    Senatora Porretti ma Lei e’ femmia o maschio ? Oppure e’ stato il suo cane a raccontare questo “triste episodio “ Non capisco ....un calcio nella pancia e Lei non ha chiamato o chiesto a qualcuno di chiamare un ambulanza ? Avra’ avuto scarpe fa fatina il sudicione o insudiciato ? Ecco io ho valutato Lei aldila’ di essere un politico ( maschio si presume dal suo racconto : “ io per il momento mi sento solo a disagio ...) e’ anche una buona novellista . Ha mai cercato di cambiare mestiere ?