Privacy Policy politicamentecorretto.com - COMUNICATO STAMPA LAMEZIA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

COMUNICATO STAMPA LAMEZIA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  Da quanto leggo su "Il Quotidiano della Calabria", pagina odierna di Lamezia, rilevo che l'ing. Grandinetti, coordinatore regionale di "Obiettivo Futuro", ha davvero la "memoria corta", almeno rispetto alle vicende legate alla tornata elettorale per le elezioni amministrative di Lamezia Terme svoltesi nel 2010.
Infatti, se avesse avuto la "pazienza" di scrutare attentamente la mia attività parlamentare, che non è sicuramente fatta solo di denunzie, ma anche di attenzione ai problemi che vengono affrontati quotidianamente dai cittadini, avrebbe preso atto della mia interrogazione parlamentare n. 4-07211, presentata il 17 maggio 2010, ed inerente proprio alle "presunte anomalie" registrate durante il primo turno elettorale amministrativo nella città di Lamezia Terme.
Ed avrebbe anche letto la relativa risposta che il Governo Nazionale del tempo, a predominanza PDL, dal quale il FLI ha preso con coraggio le distanze, ha dato al mio atto ispettivo, ricordando che il potere di controllo sul corretto svolgimento delle operazioni elettorali viene esercitato attraverso i tradizionali mezzi di tutela previsti dall'ordinamento, da esperire in sede giurisdizionale, mediante ricorso, ai sensi dell'articolo 83/11 del D.P.R. 16 maggio 1960, n.570.
Come mai l'ing. Grandinetti, il quale oggi "strumentalmente" richiama quei "politici che sono in sella da decenni che parlano di malaffare, di cappe asfissianti sulla città, di corruzione, di pressioni.....", non precisa se lui, candidato a sindaco di Lamezia in quella tornata elettorale, ha esercitato la tutela prevista dall'ordinamento, mediante la presentazione di un ricorso in merito?

Ed, infine, invito ancora l'ing. Grandinetti a visionare il mio ulteriore atto ispettivo parlamentare, n. 4-15559, presentato il 2 aprile 2012, con il quale chiedo ai ministri dell'interno e della giustizia, di attenzionare il racconto del collaboratore di giustizia, Massimo Di Stefano, attraverso il quale emergerebbe il perverso intreccio "politico-mafioso" che ha governato e governerebbe Lamezia Terme.
                                                     on. Angela Napoli

Taurianova, 14 maggio 2012

Invia commento comment Commenti (0 inviato)